Socialize

FacebookTwitterRSS

Cerca nel sito

A CENA DA ANDREA CAMILLERI

Il nostro viaggio virtuale “a tavola nel tempo” continua fino ai giorni nostri. Faremo una breve sosta negli anni ’60 per andare a cena da Andrea Camilleri.

Scritto da Marina Birri

Honest Cooking a cena con andrea camilleri
Ho scelto Andrea Camilleri perché sceneggiatore in quegli anni di grandi successi televisi legati alla mia infanzia: il tenente Sheridan” un fantastico Ubaldo Lay, alle indimenticabili inchieste del Commissario Maigret con un bravissimo Gino Cervi.

andrea-camilleri

 

Torniamo all’immediato dopoguerra; l’Italia è allo stremo, il razionamento dei viveri messo in atto durante l’ultimo conflitto mondiale aveva contribuito allo sviluppo del mercato nero, squilibrando ulteriormente l’economia.

mercato nero

Come abbiamo sempre visto nel corso dei secoli, l’appartenenza ai diversi ceti sociali, influisce sulle possibilità economiche e quindi sull’alimentazione. Sia in campagna che in città la situazione è disastrosa; qui rientrano i vaghi ricordi di racconti della mia nonna materna che raccontava come all’epoca ci si dovesse rivolgere al mercato nero per comprare qualche patata e un po’ di farina.

merc nero 2

Verso la metà degli anni ’50 inizia una ripresa economica del paese che darà il via ad un diffuso stato di benessere nei vari strati sociali e che culminerà con il boom economico degli anni ’60. La carne, non più solo frattaglie, comparirà settimanalmente sulle tavole degli italiani; si rileva, infattim un notevole incremento della carne suina dovuto alla forte diffusione dell prosciutto.

C’è un boom nell’uso del pomodoro, dei formaggi , come anche per agrumi e frutta fresca. Un grande utilizzo dell’olio di oliva che sostituirà l’uso del lardo e del burro.

C’è un’altra grande novità: le donne iniziano a lavorare negli uffici e nei posti pubblici e questo consentirà alle famiglie italiane di poter contare su una maggiore disponibilità economica.

1953_sartine_lavoro_donne

Prima di fare un salto negli anni ’60 a cena da Andrea Camilleri, vorrei darvi qualche flash su qualche curiosità che ho trovato :

  • Anni 50-60: Apertura del primo supermercato italiano (boom economico)

primo supermercato

  • Anni ’70 : aumento notevole del consumo di carni alternative e del pesce azzurro (austerity)
  • Anni ’80 : Nascono nuove mode alimentari dalla dieta mediterranea ai prodotti light; nascono le prime beauty farms e inizia l’amore per il fitness (ripresa economica)
  • Anni ’90 : inizia la globalizzazione del mercato. Frequente uso di prodotti di alta qualità e incremento notevole del commercio dell’export. Le famiglie diventano meno numerose; nasce il fast food; si aprono i primi discount e fanno la loro comparsa i prodotti biologici geneticamente modificati.

Ed eccoci nel quartiere Prati a Roma, dove abita lo scrittore dalla cui fantasia nasce, negli anni ’90, il Commissario Montalbano (10 milioni di copie vendute). Ho scelto lui come cena anni ’60, in primo luogo perché è un uomo di grande spessore intellettivo; in secondo luogo perché siciliano ed io amando follemente la cucina della nostra incantevole isola, mi auguro di poter gustare qualche specialita’.

 

Ed ecco il menù siciliano, trionfo di sapori e colori mediterranei: come antipasto iniziamo con una caponatina classica e alici crude agli agrumi, una delizia dietro l’altra.

alici agli agrumi

Non può mancare la straordinaria pasta con le sarde (il mio palato è deliziato).

pasta-sarde-2

Si continua con un pesce spada semplice semplice come piace ame, grigliato e condito con olio e limone.

pesce spada grigl

Ed eccoci ai miei cannoli preferiti , un trionfo di pistacchi, nocciole, cannoli classici… sono in visibilio!

cann sic pist

Si conclude con la classica cassata.

cassata-siciliana-192412

Saluto il mio ospite e lo ringrazio per questa cena meravigliosa, torno a piedi nel 2016 per smaltire e bere il mio solito  caffè sul divano di casa mia.

Alla prossima!

Marina Birri
Mi chiamo Marina Birri, vivo a Roma, una laurea in giurisprudenza, ma mai fatto l’avvocato, ho due figli ormai grandi e la mia più grande passione è la cucina, oltre la lettura.
Cucinare è passione, è amore, è ricerca, sperimentazione … toccare gli ingredienti e sentire che dal loro assemblaggio nascerà un piatto che darà felicità al palato di chi lo assaggerà, non ha euguali …è l’estasi!
La mia passione nasce in…Una cucina di tanti anni fa, la mia nonna paterna: inventiva, fantasia, creatività, ma anche rispetto delle tradizioni… e io bambina incantata dai suoi gesti, dalla sua maestria nel tirare una sfoglia, profumi meravigliosi, farina impalpabile vola nell’aria e lei lì che sforna il suo memorabile ciambellone (così alto non mi è mai venuto!). E ancora le sue torte e il magico quadernetto dove appuntava le sue ricette (chissà dove sarà finito?). Ero una bambina e la sua passione è diventata mia…amo cucinare, adoro scegliere gli ingredienti, manipolarli, tagliarli, cuocerli, friggerli, assemblarli e come in una favola magica si crea il piatto…la cucina è un’alchimia di passione, di amore, è una magia fantastica.

Ti è piaciuto il nostro post?
Diccelo con un commento o con un semplice like

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Tortino cuore-caldo al cioccolato
Capricorno - Aprile 2013
Errico Recanati del Ristorante Andreina: un'intervista