Socialize

FacebookTwitterRSS

Cerca nel sito

A CENA CON CAMILLO BENSO CONTE DI CAVOUR

La nostra rubrica “a tavola nel tempo” prosegue il suo viaggio verso il risorgimento. Questa volta siamo ospiti del Conte di Cavour

Scritto da Marina Birri


Siamo nel 1800; alcune indagini dell’epoca ci fanno sapere come l’alimentazione dei contadini fosse estremamente povera: al Nord principalmente costituita da polenta  di mais; al sud pane di frumento, ovviamente mai la carne. Mentre in Toscana la carne veniva usata in minima parte come condimento nelle zuppe di fagioli e cereali oppure nella pasta e ceci, il lesso era considerato una prelibatezza. Per gli operai che vivevano in città il discorso era diverso. Essi, infatti, avevano un’alimentazione molto più sana e sicuramente più varia: riso , pasta, carne, formaggi e legumi.
Nel XIX secolo, varie scoperte scientifiche applicate all’industria e all’agricoltura, contribuirono a molti cambiamenti; per esempio in Francia, fu impiantata la prima industria per la lavorazione della barbabietola e questo rese normale avere lo zucchero a tavola. Le teorie di Pasteur sulla fermentazione, portarono una serie di progressi nel campo enologico e caseario e ad un notevole miglioramento di vini e formaggi. Il pranzo come occasione di festa e di riunione si diffonde in tutte le classi sociali e noi donne diventiamo le regine della cucina.
tavola-ottocento

I pasti, che fino ad allora erano tre, diventano quattro o anche cinque al giorno per i cittadini più ricchi. Gli orari erano simili a quelli moderni: dalle 7 alle 9 la colazione, dalle 12 alle 14 il pranzo, 20 e 30 cena e verso l’una di notte  uno spuntino leggero per tutti quelli che frequentano gli spettacoli.

Ed eccoci finalmente giunti a casa di Cavour: protagonista dell’800, grande sostenitore delle idee liberali, del progresso civile ed economico. Nel 1861, divenne con la proclamazione del Regno d’Italia il primo presidente del consiglio dei minìstri del nuovo stato

portrait-12

A palazzo Benso di Cavour, la prima cosa che ci colpisce è uno scalone ornato da una bellissima volta del XIX secolo con la quale giungiamo al piano nobile ed entriamo nel salone maggiore, ornato nella volta da stucchi neo barocchi. La tavola è elegante e raffinatissima

3153213041_Garini_4

Preziosa la tovaglia ricamata su cui spiccano numerosi vasi traboccanti di composizioni floreali, rose arancioni e gialle alternate a profumatissime arance rendono l’ambiente accogliente e piacevole.

Il pranzo inizia con le entrate: una minestra d’orzo, un dentice al vapore e una noce di vitello. Passiamo agli antipasti – cominciamo bene pensavo, un pranzo leggero – e invece prosciutto in gelatina e come primi galline alle punte di asparagi, quaglie alla Richelieu, aspic, fagiolini e carciofi.

Finalmente il dessert : bavarese, albicocche all’orientale, gelati e frutta

bavarese-alle-pesche

 

 

Non c’è che dire; anche nel 1800 si trattavano mica male. Saluto Camillo, molto indaffarato con le questioni politiche e torno beata al mio 2016 sul divano di casa mia con un buon caffe’!

Ti è piaciuto il nostro post?
Diccelo con un commento o con un semplice like

Marina Birri
Mi chiamo Marina Birri, vivo a Roma, una laurea in giurisprudenza, ma mai fatto l'avvocato, ho due figli ormai grandi e la mia più grande passione è la cucina, oltre la lettura. Cucinare è passione, è amore, è ricerca, sperimentazione ... toccare gli ingredienti e sentire che dal loro assemblaggio nascerà un piatto che darà felicità al palato di chi lo assaggerà, non ha euguali ...è l'estasi! La mia passione nasce in...Una cucina di tanti anni fa, la mia nonna paterna: inventiva, fantasia, creatività, ma anche rispetto delle tradizioni... e io bambina incantata dai suoi gesti, dalla sua maestria nel tirare una sfoglia, profumi meravigliosi, farina impalpabile vola nell'aria e lei lì che sforna il suo memorabile ciambellone (così alto non mi è mai venuto!). E ancora le sue torte e il magico quadernetto dove appuntava le sue ricette (chissà dove sarà finito?). Ero una bambina e la sua passione è diventata mia...amo cucinare, adoro scegliere gli ingredienti, manipolarli, tagliarli, cuocerli, friggerli, assemblarli e come in una favola magica si crea il piatto...la cucina è un'alchimia di passione, di amore, è una magia fantastica.

Commenti

commenti

Gyros con Tilapia alla griglia
Frittelle di mais dolce
Tasting Groupon – Bovida (Bologna)