Socialize

FacebookTwitterRSS

Cerca nel sito

Bissap o sciroppo ai fiori di ibisco

Giornata di sole o giornata di pioggia? In ogni caso non c’è nulla di meglio di un Bissap, ovvero uno sciroppo ai frutti di bosco.
Di Alessia Stano

Il bissap (noto anche con il nome di karkadè) è una bevanda tipica africana, in particolar modo del Senegal, ottenuta dall’infusione dell’omonimo fiore, da noi meglio conosciuto con il nome di ibisco.

Si tratta di una bevanda che va servita fredda, aromatizzata con della menta e a volte con del succo di limone, non troppo dolce e dal gusto delicatamente asprigno. Un vero toccasana nelle calde giornate estive.

Con questa ricetta potrete preparare uno sciroppo molto concentrato, che grazie agli alti livelli di zucchero può essere conservato in frigo per alcune settimane, e allungato all’occorrenza.

Bissap o sciroppo ai fiori di ibisco
Print
Categoria: Bevande
Autore:
Preparazione:
Cottura:
Complessivo:
Ingredienti
  • 30 g di fiori di ibisco essiccati
  • 300 g di zucchero
  • 300 g di acqua
  • foglie di menta fresca
Istruzioni
  1. Sciacquate per 1 minuto i fiori di ibisco essiccati in acqua fredda.
  2. Preparate lo sciroppo scaldando l’acqua con lo zucchero, e al bollore togliete dal fuoco.
  3. Aggiungete i fiori di ibisco e le foglie di menta.
  4. Lasciate in infusione almeno per un'ora: lo sciroppo si deve essere completamente raffreddato.
  5. Filtrate lo sciroppo e strizzate bene i fiori e le foglie di menta così da recuperare tutto il succo (aiutatevi con una garza o un tovagliolo).
  6. Imbottigliate lo sciroppo e conservatelo in frigo.
  7. Servite il bissap fresco diluito in acqua in parti 1:4.

Alessia Stano
Ventisei anni, una laurea in chimica, attualmente impegnata ad insegnare chimica nelle scuole superiori, ed una grande passione per il cibo, da cui è nato il blog Staffetta in cucina. Ovviamente la incuriosiscono molto gli aspetti chimici della cucina, ma è più legata ai procedimenti tradizionali. La sua passione: i dolci (di cui è golosissima) e fiori ed erbe spontanee, per le quali ha una vera ossessione.

Ti è piaciuto il nostro post?
Diccelo con un commento o con un semplice like

Commenti

commenti

Soave l’immortale, Amarone il vecchio e la Bolla a dosaggio zero
Trattoria La Coccinella – Serravalle Langhe (Cn)
La vera Paella a Milano si gusta da Albufera