Socialize

FacebookTwitterRSS

Cerca nel sito

Cadia: una collina, un’Azienda

Un giro nelle Langhe per scoprire i vini dell’Azienda Agricola Cadia, in particolare il Verduno Pelaverga.
Di Carlotta Invrea

La viticoltura piemontese è considerata dagli esperti come “espressione di talenti naturali” ed io non posso che unirmi a questa voce…

Tra le colline delle Langhe, più precisamente a Roddi d’Alba, l’Azienda Agricola Cadia offre un’ottima selezione di vini sin dal lontano 1913, anno in cui è nata.

A conduzione familiare, l’Azienda cura il patrimonio agricolo costituito da oltre 12 ettari di terreno e prende il nome da quello della collina detta “Cadia”.

La zona è perfetta per la coltivazione di uva Nebbiolo da Barolo.

Tra le bottiglie prodotte ho trovato particolarmente significativa quella del Pelaverga, senza nulla togliere alle altre: Barolo Monvigliero, Sauvignon, Avnì, Dolcetto d’Alba, Barbera d’Alba, Nebbiolo, Langhe Arneis.

Il Pelaverga, tipico vino della zona che ha come epicentro Verduno, si presenta di colore rosso rubino. Il bouquet inebriante presenta una caratteristica nota pepata ed al palato è morbido con un lieve e piacevolissimo retrogusto amarognolo.

Può essere abbinato ai piatti tipici della zona e a carne rossa, ma il bicchiere viene esaltato soprattutto se accompagnato da una buona selezione di formaggi…

Merenda sinoira per tutti!

Carlotta Invrea
Carlotta è nata a Torino il 21 dicembre sotto il segno del Sagittario: il più curioso e amante dei viaggi dello zodiaco… La predisposizione per la letteratura e l’arte in tutte le sue forme l’ha portata a laurearsi al D.A.M.S. indirizzo cinema, e la passione per la scrittura a continuare gli studi seguendo un Master in giornalismo.
La cucina è una passione che nasce nella notte dei tempi, le piace provare piatti nuovi e vini provenienti da ogni parte del mondo. Ama cucinare con l’accompagnamento di buona musica ed un calice di vino preferibilmente rosso. Nel dicembre 2011 è stato pubblicato il suo primo romanzo dal titolo “NEL BICCHIERE DI UNA DONNA” edito dalla Lazzaretti Editore ed ambientato in una vineria delle Langhe…

Ti è piaciuto il nostro post?
Diccelo con un commento o con un semplice like

Commenti

commenti

Ristorante RomantiK a Marlengo
Sformati di ricotta mediterranei
Schio Design Food - Food e Design in un legame sempre più stretto