Socialize

FacebookTwitterRSS

Cerca nel sito

Cheesecake estiva allo yogurt con pesche e ribes

La cheesecake allo yogurt con pesche e ribes è un dolce estivo e che non ha bisogno di cottura. Potrete mandare in vacanza anche il vostro forno!

Scritto da Giulia Vigoni

Honest cooking Cheesecake estiva allo yogurt con pesche e ribes di Giulia Vigoni

Cheesecake estiva allo yogurt con pesche e ribes

Settimana scorsa vi ho proposta la Cheesecake salata ai sapori nostrani che è stata ampiamente apprezzata dalla mia famiglia(e divorata!); ora sono passata alla versione dolce con questo dolce tipicamente estivo, colorato, con frutta di stagione e con una consistenza così cremosa che si scioglie in bocca in un’armonia di sapori delicati. Appunto perché è una ricetta estiva, non avrete bisogno del vostro forno! Non è fantastico?

Ho deciso: il dolce che più mi piace preparare è il cheesecake.
È vero, non lo preparo di frequente, ma quando mi ci metto devo dire che il risultato non delude mai, né la vista né il palato.
Se devo essere sincera, nonostante il mio dolce preferito sia la crostata di frutta, il cheesecake allo yogurt e frutta è quello che mi rappresenta meglio.
Base croccante e superficie dolce e cremosa, colorata e vivace come me che mi reputo tosta, caparbia, con quei valori e quei solidi principi che i miei nonni e i miei genitori mi hanno insegnato e che mi hanno resa determinata e perseverante (ma anche orgogliosa e testarda, devo ammetterlo :p).
 Ma questa crosta solida e croccante alla fine non è che la base di una superficie più dolce e malleabile, colorata e allegra, frizzante e solare…si dai, stando a quanto mi dicono, se fossi un dolce potrei essere davvero un cheesecake che profuma d’estate…anche se amo l’inverno, la neve e il camino acceso…beh dai, la crema bianca allo yogurt lo ricorda alla fine no?
Cheesecake estiva allo yogurt con pesche e ribes
Print
Categoria: Dolci, cheesecake
Autore:
Preparazione:
Cottura:
Complessivo:
Porzioni: 8-10
Ingredienti
  • Per la base
  • 230 g di biscotti Digestive
  • 100 g di burro
  • Per la crema
  • 370 g di ricotta
  • 170 g di yogurt greco
  • 250 g di yogurt intero alla vaniglia (o del gusto che preferite)
  • 200 g di panna da montare
  • 100 g di zucchero
  • 4 fogli (8 g) di colla di pesce (gelatina in fogli)
  • 40 g di latte
  • 125 g di ribes
  • 2 pesche noci
  • Qualche fogliolina di menta
Istruzioni
  1. Iniziamo a preparare la base:
  2. fate fondere il burro e sbriciolate i biscotti riducendoli a farina.
  3. Amalgamate bene burro e biscotti e distribuite omogeneamente il composto sul fondo (foderato di carta da forno) di uno stampo a cerniera.
  4. Livellatelo aiutandovi con una spatola e lasciatelo riposare in frigorifero per almeno 30 minuti.
  5. Lavate il ribes e una pesca e tagliate quest'ultima a spicchi sottili (non va sbucciata!).
  6. Disponete la pesca e una manciata di chicchi di ribes sul fondo biscottato e riponete ancora in frigorifero
  7. Intanto mescolate la ricotta con lo yogurt e lo zucchero (io l'ho passato nel mixer per qualche minuto per avere un composto cremoso e senza grumi).
  8. Montate la panna e aggiungetela alla crema di yogurt e ricotta mescolando delicatamente dal basso verso l'alto.
  9. Dopo aver tenuto i fogli di gelatina in ammollo nell'acqua fredda per almeno 15 minuti, strizzateli bene e fateli sciogliere nel latte che intanto avrete fatto intiepidire.
  10. Quindi aggiungete la colla di pesce e il latte alla crema di yogurt, panna e ricotta e mescolate bene il tutto.
  11. Versate il riepieno sul fondo biscottato con sopra la frutta e livellate bene la superficie del cheesecake.
  12. Lasciate riposare il dolce in frigorifero per almeno 4 ore fino a quando non solidifica (io l'ho preparato la sera e l'ho tenuto in frigorifero tutta notte).
  13. Trascorso il tempo necessario, decorate a vostro piacere la superficie del cheesecake con spicchi di pesca noce, rametti di ribes e qualche fogliolina di menta.
Note
La ricetta non richiede l'uso del forno.

Amo sperimentare, adoro cucinare e ritrovarmi sempre con le mani in pasta mentre rifletto su tutto e di più, da brava studentessa di filosofia.
Per me dilettarmi in cucina non è solo rilassante e terapeutico, è un modo per sentirmi a casa, per dimostrare la cura e l’affetto verso le persone che amo. È un modo per divertirmi da sola o in compagnia, per ridere e scherzare, per chiacchierare e per assaggiare sapori
sempre nuovi. È il mio trucco per spezzare la quotidianità in modo dolce e alternativo, di ritrovare il sorriso quando magari si nasconde un pochettino…è un modo come un altro per dire “sono felice”.

Ti è piaciuto il nostro post?
Diccelo con un commento o con un semplice like

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Valuta questa ricetta:  

Storia della cannella
La Fromagerie: passione al Beaufort nel cuore di Londra
Insalata di spinacini, chips di mango, anacardi e pane croccante