Socialize

FacebookTwitterRSS

Cerca nel sito

Cheesecake pumpkin swirl brownies

Scritto da: Giulia Vigoni

Eccola, finalmente è arrivata!
L’aria pungente che pizzica le guance, la nebbia che avvolge le case la mattina presto e la sera, che ormai oscura presto il giorno, facendoci desiderare le accoglienti mura di casa e il suo famigliare tepore.

E’ arrivato il momento di tirare fuori sciarpe, guanti e cappelli, di colorare il grigiore di questo autunno che si avvicina all’inverno, con le tinte calde delle foglie che ormai sono un tappeto ai piedi degli alberi, ai margini delle strade.

E’ arrivato il momento di iniziare a respirare profumo di Natale, perchè ormai, anche se forse con un po’ di anticipo, le vetrine, i negozi, le strade, si stanno illuminando di calore natalizio, di rosso e oro, di verde e bianco… e io adoro questo clima di festa, mi rassicura, mi infonde gioia e allegria, lo ha sempre fatto, sin da quando ero bambina.

 

Ma questo mese e mezzo di attesa che ci separa dalle feste – che poi questa attesa è proprio ciò che amo – quest’anno per me sarà un pò particolare; tra il 14 e il 20 dicembre concluderò definitivamente il mio percorso di studi filosofici, una carriera universitaria iniziata nel 2012, in cui ho imparato molto, non solo a livello culturale e scolastico.
Ho conosciuto tante persone, molte non le ho più sentite, altre invece ci sono sempre state, non mi hanno mai abbandonato e so che sempre ci saranno, anzi ci saremo l’una per l’altra. E se potessi ringrazierei una per una tutte queste persone, presenti e assenti, perchè grazie ad ognuna di loro ho imparato a conoscere una parte di me, a diventare più forte e matura; ognuna di loro ha contribuito a rendermi ciò che oggi sono e per questo sono grata a tutti loro.

Ma ora è bene concentrarsi sul presente e su chi è rimasto, sulle persone che amo e che saranno al mio fianco sempre, anche al momento della discussione della tesi di laurea e alla proclamazione.

Sto trascorrendo giorni felici, soddisfacenti per via di un master in Risorse Umane appena iniziato ed estremamente affascinante, ma anche agitati a causa della laurea.
Tutto è pronto ormai, manca solo la discussione, e anche se so cosa mi aspetta grazie all’esperienza della triennale, le gambe tremano sempre, a maggior ragione perchè questa sarà la mia ultima laurea (al momento, poi in un futuro non si sa mai) e con l’anno nuovo il guscio protettivo dell’università non ci sarà più e bisognerà fare i conti con il mondo, con il lavoro. Paura, ansia, ma anche tanta voglia di buttarmi, di costruire la mia vita, passo dopo passo, di imparare e crescere, di maturare ancora e diventare sempre più forte.

Sicuramente una buona terapia per vincere quest’ansia, è sicuramente tanto sport e anche… tanti dolci!
Il mese antecedente a Natale non può non esondare di dolci al profumo di cannella, di biscotti speziati, cioccolate calde, esperimenti in vista del grande giorno. E allora, visto che ho i miei buoni motivi per ingannare il tempo e l’ansia, credo proprio che andrò a fare scorta di burro, zucchero e farina, almeno per iniziare!

Prima però approfittiamo del mese delle zucche per coccolarci con un dolcetto tipicamente autunnale, molto American style, e talmente goloso e avvolgente da sciogliersi in bocca.
Zucca e cioccolato si uniscono in un dolce e vorticoso abbraccio reso ancor più speciale da una delicata crema al formaggio.

Siete curiosi? Preparate anche voi questi Cheescake pumpkin swirl brownies!

Cheesecake pumpkin swirl brownies
Print
Autore:
Preparazione:
Cottura:
Complessivo:
Ingredienti
  • Impasto al cioccolato:
  • 100 g burro
  • 220 g cioccolato fondente
  • 200 g zucchero
  • 3 uova
  • 100 g farina 00
  • 1 + ½ cucchiaio di cacao amaro
  • 1 pizzico di sale
  • Crema alla zucca:
  • 250 g polpa di zucca cruda preferibilmente la Butternut o una qualità poco acquosa
  • 170 g Formaggio spalmabile
  • 1 tuorlo
  • 40 g zucchero
  • 30 g farina 00
  • 2 cucchiai fecola di patate
  • 1 cucchiaino di cannella
  • 1 cucchiaino raso zenzero in polvere
  • q.b. noce moscata grattugiata
  • q.b. chiodi di garofano
  • Decorazione:
  • 9 noci pecan
  • Q.b. gocce di cioccolato
Istruzioni
  1. Tagliate la zucca a pezzi e, dopo averla privata della buccia, fatela cuocere a vapore per 20-25 minuti fino a quando non si ammorbidisce.
  2. Accendete il forno a 160°C.
  3. Impasto al cioccolato:
  4. Fate fondere a bagnomaria il burro con 180 g di cioccolata.
  5. Trasferite il composto liscio e omogeneo ottenuto in una ciotola e lavoratelo con lo zucchero.
  6. Aggiungete le 3 uova, uno alla volta, incorporandole bene ogni volta.
  7. Setacciate la farina con il cacao e il sale ed uniteli al composto amalgamando bene.
  8. Tagliate a pezzetti il cioccolato avanzato ed aggiungetelo al composto continuando a mescolare.
  9. Crema alla zucca:
  10. Trasferite la zucca in una ciotola avendo cura di eliminare eventuale acqua in eccesso.
  11. Riducetela a purea e aggiungete il formaggio spalmabile lavorando il composto fino ad ottenere una crema.
  12. Unite il tuorlo e lo zucchero e amalgamate bene gli ingredienti.
  13. Infine aggiungete alla crema anche la farina setacciata con la fecola e le spezie.
  14. Assemblaggio:
  15. Foderate con della carta da forno una teglia quadrata 20x20, versate prima il composto al cioccolato, poi la crema di zucca cercando di spalmarla omogeneamente anche lungo i bordi e negli angoli.
  16. Affondate un coltello nelle creme cercando di formare dei cerchi in modo che l'impasto scuro e quello chiaro si mescolino creando dei vortici.
  17. Decorate con noci pecan e gocce di cioccolato e fate cuocere per 20 minuti a 160°C. Trascorso questo tempo coprite il dolce con della carta di allumino e fate cuocere per altri 40 minuti a 120°C.
  18. Controllate la cottura con uno stecchino e dopo aver fatto raffreddare la torta, tagliatela in 9 pezzi.

Ti è piaciuto il nostro post?
Diccelo con un commento o con un semplice like

Amo sperimentare, adoro cucinare e ritrovarmi sempre con le mani in pasta mentre rifletto su tutto e di più, da brava studentessa di filosofia. Per me dilettarmi in cucina non è solo rilassante e terapeutico, è un modo per sentirmi a casa, per dimostrare la cura e l'affetto verso le persone che amo. È un modo per divertirmi da sola o in compagnia, per ridere e scherzare, per chiacchierare e per assaggiare sapori sempre nuovi. È il mio trucco per spezzare la quotidianità in modo dolce e alternativo, di ritrovare il sorriso quando magari si nasconde un pochettino...è un modo come un altro per dire "sono felice".

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Valuta questa ricetta:  

Zuppe verdi
La Pancake Art
Migliaccio salato, ricetta di carnevale