Socialize

FacebookTwitterRSS

Cerca nel sito

Danubio al cioccolato bianco

Un dolce bello da vedere e che si può gustare come più ci piace!

Scritto da: Elisabetta Lecchini

Un lievitato adorabile e bello da vedere.

Si mangia con le mani, ognuno stacca il suo pezzo, lo si farcisce con quello che si vuole, dolce o salato che sia, si possono fare molte palline piccole o poche grandi, si possono aggiungere i semini, al sesamo, alla zucca, di lino, di finocchio e altro.

Consiglio di gustarlo caldo o tiepido, in modo tale che la farcitura rimanga “morbida”, in questo caso in cui il cioccolato si presenti come fuso, se si raffredda ovviamente andrà a consolidarsi.

Se però volete prepararlo come me per le colazioni di tutta la settimana, potete scaldarlo pochi minuti in forno o pochi secondi nel microonde per gustarlo al meglio, si conserva bene una settimana.

Fra le farciture dolci oltre quella al cioccolato, che è un classico, vi consiglio la marmellata, la frutta secca e anche frutta fresca come frutti di bosco, amarene, ma anche ricotta e gocce di cioccolato, miele.

Buona colazione o merenda a tutti!

Danubio al cioccolato bianco
Print
Autore:
Preparazione:
Cottura:
Complessivo:
Porzioni: 7
Danubio con cioccolato bianco per colazioni e merende sofficissime
Ingredienti
  • 500 gr di farina manitoba
  • 80 gr di zucchero
  • 150 ml di latte
  • 10 gr di lievito di birra
  • 2 uova
  • 100 gr di burro temperatura ambiente
  • 100 gr di cioccolato bianco (stecca, gocce, pepite)
  • 1 uovo+ latte per spennellare
  • semi di sesamo
Istruzioni
  1. Intiepidite il latte e scioglieteci il lievito.
  2. Su un piano di lavoro o in una ciotola capiente versate la farina, lo zucchero e il burro.
  3. Sbattete leggermente le uova e unitele al composto, unite anche il latte e cominciate a impastare, proseguite fino a che non otterrete un composto omogeneo, compatto, coprite con la pellicola e lasciate triplicare.
  4. Formate delle palline di pasta da 120 gr ognuna, quella centrale sarà un po' più grande, disponete all'interno un quadretto o due di cioccolato o pepite o gocce (un po'meno di un cucchiaino) e ricoprite di pasta, dovete inglobare il cioccolato.
  5. Imburrate una teglia o uno stampo a cerniera, disponete sei palline lungo i bordi e una al centro.
  6. Lasciate lievitare un'altra ora.
  7. Accendete il forno a 180 gradi mentre si scalda in una tazza mescolate l'uovo con il latte e spennellate la superficie, ricoprite con i semi di sesamo e infornate per 30 minuti.

Ti è piaciuto il nostro post?
Diccelo con un commento o con un semplice like

Elisabetta Lecchini
Milanese ma nata a Roma, un blog Lilli nel paese delle stoviglie da cui si evince il mio amore sconfinato per le belle tavole, le stoviglie, i tessuti e tutto quello che ruota attorno all'arte della cucina e della tavola. Lettrice compulsiva, sempre pronta a viaggiare, amante della natura e soprattutto delle montagne, curiosa instancabile, di un piatto mi piace conoscere ingredienti, storia, tradizione, aneddoti, peculiarità. Personal chef, insegnante di cucina, collaboratrice con alcune testate gastronomiche, ovviamente mi piace molto cucinare ma soprattutto raccontare, descrivere, approfondire, saperne sempre di più

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Valuta questa ricetta:  

Sense Memory: Confessioni di una forchetta raffinata
Considerazioni del nostro primo Festival di Merano
Liquore all'arancia homemade