Socialize

FacebookTwitterRSS

Cerca nel sito

Enoteca Wine Club – Umbertide (PG)

Situato in un’anonima via tra una serie di negozi nella città di Umbertide, l’Enoteca Wine Club è un’osteria molto graziosa che vende anche vino al dettaglio.
Di Judith Klinger

È l’oasi degli amanti degustatori del vino. Situato tra una seria di negozi, è un’osteria molto graziosa che vende anche vino al dettaglio. Il locale è abbastanza casual, in questo modo ci si può fermare anche solo per un semplice pasto o un bicchiere di vino oppure per degustare e discutere vini più pregiati.

La piccola città di Umbertide sta cercando di promuovere se stessa come località specializzata per il vino e “l’Enoteca Wine Club” ristorante e osteria sta percorrendo questa strada per far si che questo obiettivo diventi realtà.

Patrick Piccioni è il gestore e sommelier. Antonella comanda la piccola cucina e ogni tanto i figli aiutano a servire in sala. Gestione familiare al 100%.

Patrick Piccioni Enoteca Wine Club

Le nostre sere all’Enoteca Wine Club stanno diventando una deliziosa routine: entriamo dalla porta d’ingresso e Patrick si prende cura di noi. Non c’è il menù, quindi Patrick ci elenca quali sono i piatti per la serata, gli facciamo un cenno di assenso e discutiamo dei possibili abbinamenti e assaggi di vini. La decisione più difficile è cosa prendere come dessert.

Enoteca Wine Club

Questo è lo stile leggero dell’osteria: antipasto di salumi, formaggi, verdure e magari un piatto di pasta, o forse due.

L’altra sera, nel nostro fantastico piatto di salumi c’era un salame particolare trattato con il vino sagrantino, insieme ad altre cinque o sei diverse qualità di affettati.

Piatto salumi - Enoteca Wine Club

Il tutto era accompagnato da un piatto di formaggi locali, che includeva anche un pecorino fresco accoppiato con del miele che ha riscosso tantissimo successo ed era il preferito di tutti. Secondo me era molto buono anche il formaggio al rosmarino e, a Jeff è piaciuto molto quello di capra.

Piatto di formaggi - Enoteca Wine Club

Patrick ci ha consigliato di bere il Sauvignon Blanc Bastianich “Vigne Orsone”. Questo vino friulano è molto fresco e vivace, con un pronunciato sapore floreale che lo rende l’accoppiamento perfetto per un aperitivo a base di salumi e formaggio.

Insieme ai salumi ci è stato servito un piatto di verdure grigliate, con un rotolino di melanzane e formaggio che era davvero buono. È stato divertente vedere chi si sarebbe mangiato l’ultima melanzana. Le altre sere invece era capitato lo stesso con le ultime cipolle o peperoni grigliati. Un’altra sera ci avevano servito un carciofo stufato con un filo d’olio extravergine d’oliva. Subito dopo ognuno di noi si è lanciato nell’atto della scarpetta: intingere un pezzetto di pane nel sughetto lasciato dal carciofo in modo da assicurarsi di gustarlo fino in fondo.

Dopo esserci lasciati l’antipasto alle spalle abbiamo deciso di passare al vino rosso, quindi Patrick ci ha portato un “Ebo Val De Cornia” un sangiovese, tipico della Toscana.
Patrick aveva ragione, questo vino di color porpora molto inteso ha un ottimo bilanciamento che lo rende delizioso, facile da sorseggiare, che insieme al maiale arrosto al pepe e a un piatto di verdure marinate, crea un buon abbinamento.
Abbiamo sorseggiato un vino molto giovane e sarebbe stato interessante comprarne una cassa e assaggiarlo di anno in anno. Devo dire che ero d’accordo con Willow che avrebbe voluto essere un esperto sommelier, per vedere come i tannini si sviluppassero in questo vino.

Mentre alcuni di noi ha ordinato una selezione di dessert leggeri altri hanno deciso di ascoltare il consiglio di Patrick di assaggiare il digestivo: tajadea di Poli (50% grappa 50% amaro). Il sapore di anice mischiato a quello della buccia d’arancia risaltava con quel tocco di amarezza dato dalla buccia di cinchona. Tutto ciò crea un digestivo molto buono e leggero. Jeff pensava che fosse una sorta d’introduzione alla grappa, altri al tavolo la chiamavano “grappa da donna”. Io ho pensato che dovevamo comprarne qualche bottiglia e portarla a casa.

Tra i prezzi ragionevoli, l’esperienza di Patrick sui vini e la sua ospitalità e il modo di cucinare di Antonella la mia unica preoccupazione è che l’Enoteca Wine Club diventi troppo popolare e che sarà difficile trovare un posto a sedere la prossima volta.

Enoteca Wine Club
via V. Gabriotti 18C
06019 Umbertide (PG)

Ti è piaciuto il nostro post?
Diccelo con un commento o con un semplice like

Judith Klinger
Judith Klinger è autrice di "Cooking Simply The Italian Way". Cucina a casa, è chef privata, insegnante di cucina, food blogger, scrittrice, fotografa e creatrice di "Arom Cucina". Come se non bastasse serve la cena ogni sera a casa sua.

Commenti

commenti

Dar Cordaro - Roma
Locanda Martinelli - Nibbiaia (Li)
Bistrot Ristorante OLEI a Milano