Socialize

FacebookTwitterRSS

Cerca nel sito

Faccine smile di fiocchi di patate

Un secondo simpatico, veloce ed ideale per i bimbi!

Scritto da: Cucina Casareccia

Faccine smile di fiocchi di patate

Faccine smile di fiocchi di patate

Si possono preparare in grande quantità e poi congelarle, sia da crude che da cotte. Molto più pratico quest’ultimo modo, perchè bastano solo 2 minuti nel microonde per avere le faccine smile subito pronte!

Faccine smile di fiocchi di patate
Print
Preparazione:
Cottura:
Complessivo:
Porzioni: 25
Ingredienti
  • Per circa 22/25 faccine smile dal diametro di 5 cm
  • 75 g di fiocchi di patate (I fiocchi di patate li trovate in qualsiasi negozio, sono quelli che si utilizzano per preparare il purè istantaneo.)
  • 30 g di fecola di patate
  • 200 ml di acqua
  • sale
  • pepe (facoltativo)
  • farina q.b.
Istruzioni
  1. Mettiamo l'acqua a riscaldare, ma non portiamo ad ebollizione;
  2. versiamoci i fiocchi di patate e giriamo con un cucchiaio di legno;
  3. aggiungiamo il sale, se preferiamo il pepe, e la fecola di patate e mescoliamo bene il tutto.
  4. Ora infarinate un po' una spianatoia o il tavolo e trasferitevi il composto di fiocchi di patate, ammorbiditelo con le mani, mescolandolo e formate una palla.
  5. Fatela raffreddare e poi, sempre con l'aiuto di un po' di farina, stendetela con il mattarello ad uno spessore di mezzo cm.
  6. Non rigirate il composto.
  7. Con un coppa pasta o altro ritagliate dei cerchi, con una cannuccia ricavate su questi cerchi gli occhi e con un coltellino formate il sorriso.
  8. Con una una piccola paletta staccate ogni faccina dal tavolo o spianatoia e poggiatela su una teglia da forno ricoperta da carta da forno.
  9. Con i ritagli rifate lo stesso procedimento, fino al completo esaurimento del composto.
  10. Infornate in forno già caldo a 180° per 12/15 minuti.
  11. Sfornate e servite sia caldi che no, accompagnandoli magari con salse varie, tipo maionese, ketchup, senape o quelle che preferite.

2

Cucina Casareccia
Sono Maria Rosaria mamma di tre figlie che vive ad Arezzo ma proveniente da Napoli. Sono diplomata in ragioneria ma ho sempre amato più la cucina che i calcoli così mi sono dedicata completamente alla mia passione. Ho tre figlie per le quali cucinare e poi un marito e vicini di casa che mi fanno da cavie, che non vedono l’ora di provare i miei esperimenti.

Ti è piaciuto il nostro post?
Diccelo con un commento o con un semplice like

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Valuta questa ricetta:  

Viaggio in Toscana: Relais di campagna Poggio ai Santi. Ristorante Il Sale.
Il Carnevale di Venezia: dalle origini ad oggi, passando per le frittelle
Capricorno - Estate 2013