Socialize

FacebookTwitterRSS

Cerca nel sito

Fichi profumati al vino rosso e alla vaniglia

Se ci sono ancora fichi in giro (e ce ne sono) è il momento di profumarli con vino rosso e vaniglia.
Di Stefania Maurigh

Ho sempre associato questo dolcissimo frutto alle calde giornate di agosto, ma visto che il mio albero è ancora ben fornito, ho deciso di presentarvi una deliziosa ricetta di fine estate. Ecco per voi un dessert facile, veloce e molto coreografico.

Fichi profumati al vino rosso e alla vaniglia
Print
Categoria: Dolce
Autore:
Preparazione:
Complessivo:
Porzioni: 4
Ingredienti
  • 8 fichi (verdi o neri a secondo dei gusti)
  • 1 bicchiere di vino rosso
  • 1 cucchiaio di zucchero di canna
  • Semi ricavati da un baccello di vaniglia q.b.
Istruzioni
  1. Lavate i fichi freddi di frigorifero (potete utilizzarli con la buccia, o se preferite senza) e tagliateli a metà.
  2. In un pentolino scaldate il vino rosso con lo zucchero e con i semini di vaniglia.
  3. Aggiungete i fichi e lasciate cuocere il tutto per circa 2 minuti.
  4. Togliete i fichi, sgocciolateli e poi fate restringere la salsa.
  5. Disponete i fichi in stampini monoporzione, pressateli leggermente e con delicatezza; fateli poi raffreddare in frigorifero, meglio se per una notte intera.
  6. Servite i fichi laccandoli con la salsa al vino e per un tocco in più, aggiungete a parte anche della panna montata.

 

 

Stefania Maurigh
Nata a Udine nel 1981, Stefania si è laureata in Relazioni Pubbliche con una tesi sulla promozione territoriale-culturale in Friuli Venezia Giulia. Giornalista pubblicista, attualmente si occupa di comunicazione e di relazioni pubbliche. È specializzata nella progettazione, organizzazione e realizzazione di soluzioni comunicative via web, nel social media marketing e collabora con il portale giornalistico “Trieste All News”, per il quale scrive anche di “Food e Life Style”. Curiosa e creativa, ha fatto della cucina e degli animali, sue due grandi passioni, un connubio davvero “particolare”: …ecco spiegata la presenza del gattone Ragù, del coniglietto Strudel e della gallina Nesquik. Buona chiacchiera, buona ascoltatrice e buona forchetta, Stefania ci accompagnerà alla scoperta dei segreti e delle particolarità del suo Friuli Venezia Giulia.

Ti è piaciuto il nostro post?
Diccelo con un commento o con un semplice like

Commenti

commenti

La Locanda - Vezzano sul Crostolo (RE)
ID-food – Marco Avella
Summa 2015: il massimo della qualità