Socialize

FacebookTwitterRSS

Cerca nel sito

Frappe allo Yogurt, leggere e friabili con soli due ingredienti!

Sapevate che le Frappe sono le Chiacchiere romane?

Scritto da Rosa Cinque

honest cooking ricetta Frappe allo yogurt

Frappe allo Yogurt

Carnevale è la festa in cui ci si lascia andare a eccessi soprattutto a Tavola, ma il simbolo più dolce di questa ricorrenza rimangono le “Chiacchiere“, nonostante ogni Regione abbia un nome diverso per indicarle: a Roma sono le Frappe, in Lombardia le Lattughe, In Toscana i Cenci, in Emilia gli Intrigoni e le Sfrappole, in Trentino i Crostoli, in Liguria le Bugie.
Le diverse denominazioni sarebbero dovute alle forme  differenti date alla sfoglia, infatti i Galàn Venezianisono strisce di varia lunghezza tagliate a forma di nastro. I Crostoli, invece, sono rettangolari e arricciati ai bordi.

Le Frappe, ancora, verrebbero così chiamate perché indicano un dolce friabile, che si rompe al primo morso.
Ed è qui che propongo le frappe allo yogurt da realizzare con solo due ingredienti: farina e yogurt, si preparano in modo semplice e veloce e vi ritroverete così sommersi da un centinaio di Frappe da gustare e regalare a Carnevale.
Light, gustose, semplici … Fritte come deve essere il grande classico del Carnevale ma senza uova ne burro … Dunque perchè non seguirmi in cucina?

 

Frappe allo Yogurt, leggere e friabili con soli due ingredienti!
Print
Categoria: Dolci di Carnevale
Cuisine: Italiana
Autore:
Preparazione:
Cottura:
Complessivo:
Porzioni: 10
Ingredienti
  • 210 g farina “00”
  • 150 g yogurt bianco intero
  • 3 g sale
  • zucchero a velo per la decorazione
  • 1 lt olio di semi di girasole per friggere
Istruzioni
  1. Versate lo yogurt in un mixer, unite il sale e 200 gr di farina, la restante parte unitela man mano in modo tale da vedere quanta farina è in grado di assorbire lo yogurt.
  2. L’impasto si formerà velocemente con pochi giri di mixer, versatelo su un piano di lavoro leggermente infarinato e formate un panetto.
  3. Avvolgete l’impasto nella pellicola alimentare e lasciate riposare 30 minuti a temperatura ambiente.
  4. Trascorso il tempo di riposo, riprendete il panetto e formate pezzi da 25 gr circa (per me 40 gr, dato che la macchina della pasta lo permette e preferisco una sfoglia leggermente più larga).
  5. Infarinate da ambo i lati ciascun panetto e appiattiteli, lavorandoli con le mani, fino ad uno spessore di mezzo millimetro circa.
  6. Con l’ausilio della macchina della pasta, inserite ogni pezzo di pasta all’interno della fessura che avrete infarinato e regolato ad uno spessore medio ⅔, e tirate delicatamente la sfoglia.
  7. Regolate lo spessore della vostra macchina per la pasta allo spessore 1 per ottenere una sfoglia sottilissima.
  8. Infarinate spesso sia l’impasto delle Frappe che la macchina della pasta affinchè questa sfoglia delicata non si rovini e non venga lavorata troppo.
  9. Con una rotella taglia pasta create le vostre Frappe: tagliate la sfoglia in strisce oblique e regolarizzate i bordi, prestando attenzione ad infarinare spesso la sfoglia.
  10. Procedete, infine, alla frittura della Frappe allo Yogurt: pochi secondi da ambo i lati vi garantiranno una giusta friabilità e doratura, senza assorbire troppo olio.
  11. Fate assorbire l’olio in eccesso ponendo le Frappe su carta assorbente (o quella comune del pane) e lasciate raffreddare completamente.
  12. Servite le Frappe allo Yogurt con un leggero strato di zucchero a velo e servite in Tavola.
  13. Buon Carnevale a voi tutti!

 


 

 

Vivo a Positano, la ridente località sulla Costiera Amalfitana. Le mie tradizioni sono legate fortemente a due Regioni del Sud Italia: la Campania e la Puglia che amo perchè è lì che è nata mia madre Camilla. Colori, mare, architettura naturale, meraviglie da gustare in tavola e panorami da mangiare con gli occhi … queste sono le mie fonti d’ispirazione quando decido di mettermi ai fornelli e cucinare per me e i miei cari. La mia passione è la cucina, in particolar modo, la pasticceria: creo, sperimento, realizzo e sono alla continua ricerca di ricette per superare me stessa. Non sono una professionista ma ho passione, ingredienti ed un pizzico di fantasia! Oltre alla passione smodata per il cibo, amo la fotografia, la lettura, la danza e la musica classica. Ragioniera e Perito Tecnico Commerciale, non ho mai svolto questa professione ed oggi lavoro dove mi diverto. Collaboro con aziende del settore food, moda e artigianato come Assistente Social Network, Contributor Ufficiale per Expo Milano 2015. Scrivo le mie ricette per Italia a Tavola, HonestCooking, MatildeTiramisù e Vivere Ascoli. Collaboro con la telegiornalista Chiara D’Amico. Mi reputo socievole ma diffidente, probabilmente attraverso la mia passione per la cucina esprimo il mio essere, la mia semplicità.

Ti è piaciuto il nostro post?
Diccelo con un commento o con un semplice like

Commenti

commenti

Château Langoa-Barton (St Julien) 2000
Banana Bread e non ne potrete più fare a meno!
Riso venere con ceci al profumo di rosmarino