Socialize

FacebookTwitterRSS

Cerca nel sito

Gnocchi croccanti di patate con funghi ostrica

Lo gnocco tipicamente sinonimo di morbidezza stravogle la sua consistenza e si presenta inaspettatamente croccante.
Lorenzo Noccioli e Biancamaria Tecchiati


Gnocchi croccanti di patate con funghi ostrica
Print
Categoria: Primo
Preparazione:
Cottura:
Complessivo:
Porzioni: 2
Ingredienti
  • Per gli gnocchi
  • 200 gr patate
  • 50 gr farina
  • 1 cucchiaio di uovo sbattuto
  • Sale
  • Per il condimento
  • 70 gr funghi ostrica (pleurotus ostreatus)
  • 50 cl brodo di pollo
  • Olio extravergine d'oliva
  • Sale
Istruzioni
  1. Cuocere le patate intere con la buccia in forno a 200° fino a cottura completa, che si può verificare con uno stuzzicadenti. Lasciare intiepidire e schiacciare con lo schiacciapatate. Salare e impastare con l'uovo sbattuto e la farina, fino ad ottenere un impasto morbido ma non troppo appiccicoso. Dividere l'impasto in tre parti, formare con ogni parte dei filoncini di circa 1cm di diametro e tagliare gli gnocchi ogni 2cm. Con il palmo delle mani dare ad ogni gnocco una forma tondeggiante, rigarlo poi con l'apposito strumento o con una forchetta. Tenere gli gnocchi distesi in un piatto infarinato e lasciarli riposare per circa 20 minuti.
  2. Cuocere gli gnocchi in acqua salata, scolarli poco prima che vengano a galla e metterli in una padella con un filo d'olio già caldo. Lasciare gli gnocchi a rosolare in padella fino a che non avranno una crosticina dorata, aggiungere quindi i funghi, salare e bagnare con il brodo di pollo; lasciare cuocere i funghi, addensare il brodo (occorrono pochi minuti) e servire.
Note
Per preparare gli gnocchi può essere necessaria più o meno farina a seconda del tipo di patate che si utilizza (è meglio utilizzare patate farinose che contengano una minor quantità di liquido) ovviamente meno farina viene utilizzata, migliori saranno gli gnocchi. Gli gnocchi non possono essere conservati in frigorifero, ma una volta preparati, prima di cuocerli, possono essere congelati tenendoli su un piatto infarinato; una volta congelati possono essere trasferiti in sacchetti e conservati in freezer, per poi cuocerli cotti senza scongelarli.

 

Ti è piaciuto il nostro post?
Diccelo con un commento o con un semplice like

Lorenzo Noccioli e Biancamaria Tecchiati
Lui cucina, progetta ricette, allestisce piatti. Lei assiste, apprende la teoria e non la mette in pratica, ma soprattuto rigoverna. Insieme decidono, assaggiano, aggiustano, studiano, scopiazzano, sentenziano, valutano, discutono, scrivono, invitano, ricevono, a volte buttano, fanno la spesa, mangiano a quattro palmenti, non sempre in quest’ordine.

Commenti

commenti

Un pazzo capodanno a NYC
Sparkling Notebook - Pasqua mia fatti capanna!
Burger vegetariano di ceci e piselli profumato al curry