Socialize

FacebookTwitterRSS

Cerca nel sito

Hamburger in London

Il cibo metropolitano per eccellenza è l’Hamburger e a Londra non potevamo farci mancare un paio di assaggi. Eccone 2 che meritano di finire sotto le vostre ganasce!
Di Ivan De Chiara

3 giorni a Londra sono maledettamente pochi per fare anche solo 1/10 di quello che mi ero programmato.Inoltre il fatto di avere un solo stomaco (anche se ben funzionante) mi limita alquanto. Comunque il tempo per testare 2 panini Hamburger a modo l’ho trovato. Dopo un po’ di ricerche ho deciso di addentare il panino di Hachè e quello di HonestBurgers del quale avevo letto un articolo tempo fa su dissapore.

Hachè si trova a Camden Town a 2 passi dall’uscita della metro. Il locale è figo con un po’ di scritte autocitazionali sulle pareti. Menù molto soddisfacente dove oltre ai soliti hamburger di manzo e pollo (che vanno benissimo), propongono anche altri di agnello, oca e pesce. Vari pure i contorni e la scelta delle patatine. Opto per un classico cheeseburger e patatine dolci fritte. Al posto del canonico bun utilizzano una simil ciabatta, più croccante e panosa. Leggendo i commenti a giro direi che è una scelta che divide. Molti non la gradiscono mentre altri apprezzano la maggior croccantezza. Io sono del secondo tipo. L’hamburger è saporito e delizioso, appena eccessiva la dose di cheddar per i miei gusti. Patatine croccanti e poco unte. Il livello di qualità è alto, il servizio cordiale. Si gode con 13/15 pound. Consigliato a “quelli del secondo tipo”.

HonestBurgers si trova invece in pieno centro, vicino Soho, in una traversa di Wardur Street. Il posto ha un suo stile e come tutti i luoghi fighi può omaggiarsi della leggenda di file chilometriche necessarie per potervi accedere (vedi grom). Ci sono passato 2 volte e file normali. Lavagnona e menù di estrema chiarezza. Offerta più snella e diretta.

Opto per un Honest burger (cheddar, bacon affumicato, cipolla, cetriolo, lattuga) di pollo. Il pane è un bun tradizionale senza semi di sesamo,estremamente soffice e delicato. Pollo e condimenti molto buoni anche se un po’ più di manica larga non guasterebbe. Veleggia tra il buono e il molto buono senza essere travolto dal godimento. Servizio di rara gentilezza e prezzi normali per Londra. Si sta bene con 15 pound. Assolutamente consigliato a “quelli del primo tipo”.

 

Ivan De Chiara
Ivan è un blogger, studente di letteratura moderna e degustatore ufficiale ais. Champagnista di religione, ama tutto quello che riguarda la sfera enogastronomica. Amatore con velleità da professionista.
www.viacolvino.blogspot.it

Ti è piaciuto il nostro post?
Diccelo con un commento o con un semplice like

Commenti

commenti

Vosges Haut-Chocolat - Cioccolateria a New York
Risotto alla crema di spinaci
Migliaccio salato, ricetta di carnevale