Socialize

FacebookTwitterRSS

Cerca nel sito

I panini di mare di Pescaria

Se siete stati ultimamente a Milano non potete non aver sentito parlare di Pescaria, il locale dei “Pescatori in cucina”.

Scritto da: Sara Morabito

A poco più di un anno dalla sua apertura milanese ha già spopolato.

Questo locale ha un fratello a Polignano a Mare in Puglia e, con la sua originale formula a fast food di pesce fresco, ha aggiunto un qualcosa che prima, a mio parere, mancava nel panorama milanese.

Le specialità sono i crudi di pesce, i fritti e soprattutto i panini di mare! Prima di andarci avevo sbirciato un sacco di foto su Instagram e quindi volevo provare proprio uno dei panini di mare.

Abbiamo provato tre versioni: il primo è stato quello con gamberoni al ghiaccio, melanzane fritte, pancetta croccante, mozzarella di bufala e salsa al pomodoro e basilico. Molto saporito, i gamberi avevano un sapore delicato che ben si accompagnava a tutto il condimento. Inoltre una nota di merito va anche al pane stesso, una tartaruga bella croccante e fresca.

E’ poi disponibile la versione con tartare di salmone, fiordilatte, zucchine e altre verdurine. Qui il sapore preponderante era la cipolla, anche in questo caso l’abbinamento è riuscito.

L’altra versione assaggiata è stata la tartare di tonno, burrata, pomodoro e pesto al basilico.

Per chi volesse provare altro oltre ai panini, sono disponibili i crudi di pesce, i fritti e le insalatone.

I panini sono la carta vincente del locale, variano dai 10 ai 12,5€ e vi sazieranno.
Sono molto conditi, quindi nonostante la freschezza e la leggerezza del pesce, dovete essere degli amanti dei sapori decisi per apprezzarli.
Se così non fosse, lanciatevi sui fritti o sui crudi.

Unico lato negativo? E’ molto popolare e quindi si rischia un po’ di coda.

Giravano rumors su una seconda sede milanese, dal canto nostro, speriamo davvero siano pettegolezzi fondati!

Ti è piaciuto il nostro post?
Diccelo con un commento o con un semplice like

Sara Morabito
Ciao, mi chiamo Sara e sono classe 89. Sono appassionata del mondo food e a tutto ciò che ci gira intorno. Anche se non è il mio lavoro principale mi piace passare del tempo a raccontare i locali che mi colpiscono a Milano e dintorni. Amo i vestiti neri, adoro il caffè (rigorosamente amaro) e la carbonara.

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ciambella integrale al rum con noci di macadamia
The Food Stylist Diary - Siamo sopravvissuti!
Scones al cocco e tè lime e gelsomino