Socialize

FacebookTwitterRSS

Cerca nel sito

UNA SERA A CENA AD ABU DHABI

“A tavola nel mondo” è la nuova rubrica di Honest Cooking che vi porterà a cena in giro per il mondo. Stasera vi porteremo con noi ad Abu Dhabi, capitale degli Emirati Arabi.

Honest cooking a tavola nel mondo UNA SERA A CENA A ABU DHABI

Abu Dhabi è la capitale della federazione degli Emirati Arabi. Situata sulla costa settentrionale è la città principale dell’omonimo sceiccato, il più grande e ricco del mondo. Fu fondata verso la metà del 1700 e presto divenne  sede della famiglia regnante.

 

La svolta di questa città si ebbe negli anni ’50: avvenne, infatti, una forte trasformazione economica e demografica legata alla scoperta  di numerosi giacimenti petroliferi. Tutto ciò portò un notevole cambiamento: Abu Dhabi da un piccolo villaggio di pescatori divenne un ricco centro commerciale e politico .

L’ospite negli Emirati Arabi, è considerato un “amir”  o “amira” che significa principe e principessa; quindi non stupitevi : sarete trattati come tali!

Gli alberghi  offrono, dato l’elevato livello della clientela, una cucina internazionale; mentre la cucina delle città rispecchia la cultura e le tradizioni di un paese che ha avuto per anni scambi commerciali con l’India, l’Africa, l’Europa e l’Asia. Questa fusione la ritroviamo anche nei piatti: gli ingredienti provenienti da quei paesi si mischiano con i gusti arabi, ancora oggi sono in continua evoluzione, generando pietanze ricche di fantasia.

 

La cena ci viene servita su una terrazza coperta con il tetto di palme. Possiamo scegliere di mangiare  seduti a tavola sui divanetti o per terra sui cuscini. I menù sono creati con ventagli  realizzati dalle donne emirantine, utilizzando foglie secche di palma e dattero

 

Eccoci a tavola: notiamo subito come i cibi sono ricchi di spezie e ingredienti come cannella, zafferano, curcuma, insieme a noci, lime e altra frutta secca.
Iniziamo con uno dei  piatti arabi più famosi: si chiama harees, è una pietanza a base di carne e farina cotta lentamente in un forno o in una pentola di terracotta e servita con burro chiarificato

Harees

Proseguiamo con un majboos, preparato cuocendo la carne in acqua contenente una miscela di erbe con aggiunta di lime essiccati. Riso cotto e zafferano vengono inseriti durante la cottura

Machboos

Non dimentichiamo il pesce che costituisce l’elemento base di molte pietanze locali- Mi appresto quindi ad assaggiare l’al madrooba, mix di pesce salato con una salsa densa. Il piatto è sempre accompagnato da riso spesso servito con zafferano, noci e spezie

Noura_Restaurant_(3385997679)

 

 

Pausa con ghahwa, tradizionale caffè arabo che viene servito in piccolissime tazze senza manico, miscelato con cardamomo e zafferano. Insieme al jubniyyah, dessert a base di formaggio di capra, assaggio anche il masub, banane tritate con il pane dolce. Non mancano sulla tavole torte a base di frutta tra cui primeggiano il dattero e la frutta secca.

Turska_kava

 

 

 

Finisce così il primo viaggio in questa città che sembra dipinta con i colori dell’oro, dove si respira il fascino dell’esotico. Lascio la Corniche, il lungomare di Abu Dhabi  e ritorno dal mondo vario e quasi irreale  degli Emirati al divano di casa mia per la mia solita tazza di caffè… alla prossima!

…E il viaggio continua!

Ti è piaciuto il nostro post?
Diccelo con un commento o con un semplice like

Marina Birri
Mi chiamo Marina Birri, vivo a Roma, una laurea in giurisprudenza, ma mai fatto l'avvocato, ho due figli ormai grandi e la mia più grande passione è la cucina, oltre la lettura. Cucinare è passione, è amore, è ricerca, sperimentazione ... toccare gli ingredienti e sentire che dal loro assemblaggio nascerà un piatto che darà felicità al palato di chi lo assaggerà, non ha euguali ...è l'estasi! La mia passione nasce in...Una cucina di tanti anni fa, la mia nonna paterna: inventiva, fantasia, creatività, ma anche rispetto delle tradizioni... e io bambina incantata dai suoi gesti, dalla sua maestria nel tirare una sfoglia, profumi meravigliosi, farina impalpabile vola nell'aria e lei lì che sforna il suo memorabile ciambellone (così alto non mi è mai venuto!). E ancora le sue torte e il magico quadernetto dove appuntava le sue ricette (chissà dove sarà finito?). Ero una bambina e la sua passione è diventata mia...amo cucinare, adoro scegliere gli ingredienti, manipolarli, tagliarli, cuocerli, friggerli, assemblarli e come in una favola magica si crea il piatto...la cucina è un'alchimia di passione, di amore, è una magia fantastica.

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ariete - Aprile 2013
Come riciclare la birra avanzata, in cucina.
Involtini di zucchine con pesto di basilico nero