Socialize

FacebookTwitterRSS

Cerca nel sito

Il Torcolato dell’Azienda Agricola Firmino Miotti

Il Torcolato dell’Azienda Agricola Firmino Miotti: un passito indimenticabile.
Di Carlotta Invrea

Il nome Torcolato si pensa derivi dal latino torculum (torcere, stringere forte). Molti attribuiscono l’origine del nome al fatto che le uve, per essere appassite, vengono attorcigliate (intorcolà) con uno spago.

L’Azienda Agricola Firmino Miotti ha fatto sua questa pratica e ha messo in commercio uno dei passiti migliori che si possano trovare in circolazione: il Breganze DOC Torcolato.

Foto: venetoesapori.it

Questo passito è prodotto solo ed esclusivamente nella zona di Breganze (in provincia di Vicenza) quindi la quantità di bottiglie in commercio è limitata. E’ ottenuto dalla scrupolosa selezione di grappoli di uve Vespaiola addizionate ad una piccola percentuale di Tocai.

E’ dopo il periodo natalizio che questo vino dolce da dessert viene consacrato vino.

Per chi fosse interessato ad approfondire le conoscenze su questa Azienda, lo scrittore Virgilio Scapin amico della famiglia Miotti ha scritto il libro “I Magnasoete” (1976, Giorgio Bertani Editore, Verona) che racconta la vita di Firmino e Pina, la qualità dei loro prodotti e l’ospitalità dei titolari dell’Azienda.

Questo luogo di lavoro risulta essere un vivace centro culturale e mondano, frequentato da buoni bevitori e personaggi legati alla cultura e allo spettacolo (Ugo Tognazzi, Monica Vitti, Marcella Pobbe…)

In ogni caso, fossi in voi, inizierei con l’assaggio dei vini ed in particolar modo del passito dell’Azienda: secondo me vi verrà voglia di approfondire la conoscenza…

Carlotta Invrea
Carlotta è nata a Torino il 21 dicembre sotto il segno del Sagittario: il più curioso e amante dei viaggi dello zodiaco… La predisposizione per la letteratura e l’arte in tutte le sue forme l’ha portata a laurearsi al D.A.M.S. indirizzo cinema, e la passione per la scrittura a continuare gli studi seguendo un Master in giornalismo.
La cucina è una passione che nasce nella notte dei tempi, le piace provare piatti nuovi e vini provenienti da ogni parte del mondo. Ama cucinare con l’accompagnamento di buona musica ed un calice di vino preferibilmente rosso. Nel dicembre 2011 è stato pubblicato il suo primo romanzo dal titolo “NEL BICCHIERE DI UNA DONNA” edito dalla Lazzaretti Editore ed ambientato in una vineria delle Langhe…

Ti è piaciuto il nostro post?
Diccelo con un commento o con un semplice like

Commenti

commenti

Burghul con le zucchine
Trento DOC
Gnocchi di carota