Socialize

FacebookTwitterRSS

Cerca nel sito

Insalata dolce

Ecco finalmente la tanto attesa bella stagione: giornate luminose, lunghe, calde, ricche di colori e profumi.

Scritto da: Delizie&Confidenze

Insalata dolce

Insalata dolce

Con l’arrivo della bella stagione arriva anche la tanto temuta prova costume!
Eccoci perciò alla ricerca di menu leggeri, di piatti sani da inserire nelle varie diete,  ed il primo piatto che viene in mente è l’insalata.
(diciamoci la verità: la triste insalata!)

Ma ci sono diversi modi per rendere le insalate più gustose, che, con la scusa della dieta, vorreste mangiare ogni giorno.

Ecco a voi l’insalata che piace tanto a noi, gnomolo compreso, un’insalata dolce e colorata, con un grande superfood: le prugne secche.

 

Insalata dolce
Print
Porzioni: 4
Ingredienti
  • 160 gr di songino
  • 200 gr di mais precotto sgocciolato
  • 4 fette di melone
  • olio di oliva extravergine q.b.
  • sale q.b.
  • 1 cucchiaio di succo di limone
  • prugne secche q.b.
Istruzioni
  1. Sgocciolare il mais precotto e sciacquare con acqua corrente, lavare anche il songino.
  2. Raccogliere il songino in una ciotola, unire il mais sgocciolato, il melone tagliato a dadini e le prugne tagliate a metà.
  3. Preparare un'emulsione con l'olio di oliva extravergine, il succo di limone, sale e pepe e condire l'insalata.
  4. Mescolare bene e servire.
  5. Potete aromatizzate l’insalata con aneto, basilico, dragoncello, cerfoglio e foglioline di maggiorana, secondo il vostro gusto.

 

 

Delizie & Confidenze
Nata in un paesino in provincia di Roma, e trasferita per amore al ridosso della capitale, oggi mamma di Riccardo, meglio conosciuti da tutti i miei lettori come “topino”.
Pasticciare tra i fornelli, creare nuovi piatti dolci e salati è ciò che amo fare da sempre! E da questa passione per la cucina è nato il mio blog “Delizie & Confidenze”, un mondo virtuale dove raccontarmi e condividere le mie esperienze e il mio crescere tra i fornelli.
La mia maestra più importante è stata la mia mamma, e da lei ho ereditato le ricette più tradizionali della mia famiglia che vanno dai sapori di una cucina più ciociara, grazie alle origini di mia mamma, a quelli di una cucina lucana, grazie alle origini di mio padre.
A soli due anni di età del mio topino però, una rivoluzione nella mia cucina: con la scoperta delle allergie alimentari del mio bambino, ho iniziato a studiare e a far mie le ricette della cucina vegana; per dargli la possibilità di non rinunciare a nulla, oltre ad una ricerca più curata di materie prime più biologiche.
Amo tutto ciò che è arte e creatività. A farmi felice è il sole, il mare, gli animali, cucinare e, soprattutto, gli abbracci ed i sorrisi di topino.
Per lui e grazie a lui sono autrice di una raccolta di filastrocche.
Oggi pasticcio ai fornelli per lui, per gli amici, e per tutti voi che cercate un nuovo spunto per un nuovo piatto sul web.
Sabrina

Ti è piaciuto il nostro post?
Diccelo con un commento o con un semplice like

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Valuta questa ricetta:  

De taart van m’n Tante - Amsterdam
Mare Sostenibile - Arborella e alosa arrivano a iosa
Conchiglioni ripieni con farcia di salmone e tartare di fiordilatte su purea di zucchine