Socialize

FacebookTwitterRSS

Cerca nel sito

La Guida Vitae 2017 In Palcoscenico

Il 29 ottobre 2016 a Milano si è tenuta terza edizione della presentazione stampa ufficiale della guida Vitae.

Scritto da Isabella Scuderi

fullsizerender-copia-4

La Guida Vitae 2017

Siamo alla terza edizione della presentazione stampa ufficiale della guida Vitae, realtà vinicole del territorio Italiano di grande pregio; un potenziale che tiene alto il valore del settore nel mondo, frutto della passione per le vigne, patrimonio culturale. Un modello che avvicina a condividere i tesori principali che la natura e l’uomo riesco a migliorare insieme.

29 ottobre appuntamento a Milano; la scelta della location rimane sempre the Mall nella zona di Porta Nuova. Da oggi tutti possono (ri)consultare la guida dell’Associazione Italiana Sommelier, guidata da Antonello Maietta. 22 il numero fisso dei vini premiati con le “Quattro viti”, Valle d’Aosta all’Alto Adige,  Sicilia e Sardegna, un giudizio che quest’anno vede un innalzamento del punteggio per arrivare all’eccellenza assoluta, tre Viti e mezzo è il nuovo valore aggiunto per arrivare al quattro pieno.

fullsizerender-copia

Guida Vitae 2017

L’ambito Tastevin 2017 come etichetta più rappresentativa del proprio territorio vede:

Valle d’Aosta: Valle d’Aosta Vuillermin 2014 – Feudo di San Maurizio

Piemonte: Boca 2011 – Le Piane

Lombardia: Franciacorta Extra Brut Cuvée Lucrezia Etichetta Nera 2006 – Castello Bonomi

Veneto: Valdadige Terradeiforti Casetta Foja Tonda 2012 – Albino Armani

Trentino: Granato 2013 – Foradori

Alto Adige: Alto Adige Bianco Appius 2011 – Cantina San Michele Appiano

Friuli Venezia Giulia: Tal Lùc Special Cuvée – Lis Neris

Liguria: Riviera Ligure di Ponente Pigato Le Russeghine 2015 – Bruna

Emilia: Colli Bolognesi Cabernet Sauvignon Bonzarone 2013 – Tenuta Bonzara

Romagna: Romagna Sangiovese Vigna del Generale Riserva 2013 – Fattoria Nicolucci

Toscana: Chianti Classico Il Poggio Riserva 2011 – Castello Monsanto

Umbria: Torgiano Rosso Rubesco Vigna Monticchio Riserva 2011 – Lungarotti

Marche: Pelago 2012 – Umani Ronchi

Lazio: Brecceto 2015 – Trappolini

Abruzzo: Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane Neromoro Riserva 2012 – Nicodemi

Molise: Tintilia Del Molise 2013 – Terresacre

Campania: Costa d’Amalfi Furore Bianco Fiorduva 2015 – Marisa Cuomo

Puglia: Graticciaia 2012 – Vallone

Basilicata: Aglianico del Vulture Don Anselmo 2012 – Paternoster

Calabria: Petelia 2015 – Ceraudo

Sicilia: Marsala Superiore Semisecco Ambra Donna Franca Riserva – Florio

Sardegna: Antonio Argiolas 100 2012 – Argiolas

Il progetto editoriale dell’Ais parla di realtà locali della nostra penisola, che rende possibile comunicare in maniera più ampia i profili delle case vinicole, e il patrimonio culturale che la vigna rappresenta, comunicata anche attraverso la versione della Guida Vitae digitale, che apre nuovi apparati grazie alla tecnologia di innovazione Vitae.

fullsizerender2

Guida Vitae 2017

35.000 vini, itinerante, (per 2000 produttori), illustrate dai Soci, degustati da esperti, che hanno messo a disposizione tutta la loro competenza, assaggiando tutte le 15000 etichette in causa, prima di avvicinarsi ad una selezione più condensata delle proposte più stimolanti.

In questa edizione 2017 si propongono cinquecento etichette premiate con il massimo riconoscimento, che come sottolineavo prestano attenzione, si, alle aziende storiche, ma si concentrano al contempo di diffondere il prestigio delle piccole e nuove realtà.

fullsizerender-copia-8

Guida Vitae 2017

Il riconoscimento Tastevin, fa riferimento all’intera zona di produzione e alle etichette che hanno riportato l’interesse ai vitigni trascurati. Ventidue i capitoli (che seguono l’organigramma regionale dell’Ais), si conta in ciascuno un’introduzione che narra le proprietà complessive dell’area analizzata, per poi analizzare le singole schede con piatti in abbinati.

fullsizerender3

Guida Vitae 2017

In chiusura la guida Vitae cavalca la storia e la testimonianza preziosa  della  produzione del vino, in una complessità  che ne forma un arte, che oggi come allora ne costituisce un patrimonio di grande viticoltura, che la guida intreccia verso i produttori e gli eccepenti consumatori.

Ti è piaciuto il nostro post?
Diccelo con un commento o con un semplice like

Isabella Scuderi
Nata a Catania nel mese di ottobre, attualmente vive e lavora a Milano. Un Master in Giornalismo Enogastronomico presso l'Accademia Telematica Europea. Dopo alcune esperienza lavorative nel settore commerciale della ristorazione, intraprende l'attività di consulente per aziende del food ed editorialista per alcune testate a diffusione nazionale.Giornalista, Food Blogger, trendsetter, dopo alcuni anni passati a farsi le ossa in giro per l'Italia è ora libera professionista nel campo più ampio della comunicazione di eventi legati alla moda/enogastronomia di nicchia. Appassionata di scarpe e stili di vita, running e food, compra spesso libri di induismo e fisica quantistica legata alla legge di attrazione. Spesso in viaggio sulla rotta Milano -Montecarlo, ha fatto del glamour una esperienza esistenziale e mentale, sempre alla ricerca di nuove attrattive e stili da scoprire. Ha un blog: La cucina veste Isa, un luogo di armonie e di affetti, dove tradizione,passione e senso del bello, trovano la giusta relazione per spiegarlo.

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pigrizia a go go - Rotolini di carne cruda
Vinopolis - Obvius, un Montepulciano Doc
Cheesecake & Fruits: un connubio d'eccellenza