Socialize

FacebookTwitterRSS

Cerca nel sito

La Reginella, quando la cucina Kosher si veste di nuovo!

Da La Reginella Kosher potrete assaggiare deliziosi piatti della tradizione giudaico-romanesca.

Scritto da Giada Barbera

honest cooking la reginella kosher roma

La Reginella Kosher Roma

Piove, ma io e gli altri blogger non demordiamo: siamo stati invitati a un social kosher lunch a “La Reginella”, storico ristorante di via del Portico d’Ottavia, al Ghetto, che ha aperto i battenti completamente rinnovato, nell’arredamento e nel concetto di cucina.

La Reginella Kosher – social kosher lunch

Io adoro la cucina ebraica e ogni volta che posso scappo al Ghetto per godermi quelle prelibatezze. Ho iniziato a conoscere meglio la  straordinaria cultura culinaria kosher grazie a un amico conosciuto sul lavoro, appena giunta a Roma, ormai 6 anni fa. Vito è ebreo e non ha mai lesinato in pazienza e spiegazioni ogni qualvolta gli chiedessi curiosità o dettami previsti dalla religione ebraica. È stato lui a dirmi, leggendomi un passo della Torà, del divieto di mescolare carni e latticini nello stesso pasto e della millenaria tradizione che lega gli ebrei alla pratica della macellazione della carne.

La Reginella – Particolare dell’arredamento

Negli anni ho approfondito alcuni aspetti della cucina kosher (o kasher) e, quindi, sono arrivata al social lunch abbastanza preparata, nonostante questo, tutto quello che ho visto (e assaggiato) mi ha stupita! La proposta culinaria de La Reginella è accattivante e moderna, con un forte legame con la religione e la tradizione pur se ben rivisitata.

Ho adorato tutto quello che sono riuscita ad assaggiare e, posso dire, che non è stato per nulla un sacrificio.

Ci accolgono con un aperitivo di benvenuto e pane fatto in casa: nell’attesa di riunirci tutti, ci deliziano con eccezionali alici marinate. Al mio grido di giubilo nel vedere le alici, il gentilissimo maître mi prende in simpatia e si offre di farmi assaggiare altre preparazioni tipiche della cucina Kosher a base di alici. Sarebbe stato scortese tirarmi indietro, quindi decido di immolarmi per la causa! Ne sono uscita vincitrice dopo aver assaggiato delle inedite alici impanate e arrostite e un tradizionale (ma ottimo) tortino di alici e indivia.

La Reginella Kosher – Pane fatto in casa

La Reginella Kosher – Alici marinate

La Reginella Kosher – alici impanate e arrostite

Gli assaggi di antipasti proseguono, tra la commozione generale, con salmone marinato, carpaccio di ricciola e un assaggio di quattro tartare: tonno, ricciola, spigola e salmone.

La Reginella Kosher – Salmone marinato

Ristorante La Reginella Kosher – Tartare

La Reginella Kosher – Carpaccio di ricciola

Alla seconda bottiglia di vino (dettaglio delizioso: la religione ebraica impone che sia un ebreo ad aprire il vino o, in alternativa, può aprirlo il cliente), arrivano gli antipasti di verdure. Immancabile il carciofo alla giudia, scrocchiarello e molto buono, seguito dall’insalata di carciofi marinati con bottarga e puntarelle (molto saporita), e dal carciofo in pastella (eccellente) e i carciofi arrosto. A seguire, il fritto di baccalà e il fiore di zucca, quest’ultimo ripieno di spigola, un sapore mai provato e molto delicato.

La Reginella Kosher – Antipasti

La Reginella Kosher – Carciofo alla giudia

 

La Reginella Kosher – Insalata di carciofi marinati con bottarga e puntarelle

Lo so abbiamo esagerato, ma concludiamo la “fase antipasti” con l’Assaggio Ebraico, ovvero un tris di verdure composto da un’ottima goncia di zucchine (molto somiglianti alle zucchine alla scapece di tradizione partenopea), pomodorini confit e il tortino di alici e indivia.

La Reginella Kosher – Assaggio ebraico

Siamo già alla terza bottiglia e ci portano due assaggi di primi: la carbonara kosher con carne secca e carciofi e degli eccellenti agnolotti ripieni di spigola con bottarga.

La Reginella Kosher – Carbonara kosher

La Reginella Kosher – Agnolotti ripieni di spigola con bottarga

Nel frattempo, passa la zuppa di carciofi per un altro tavolo e io non perdo occasione di fotografarla: sembra molto buona e l’odore è davvero invitante: rubo la ricetta, che mi riprometto di provare presto!

La Reginella Kosher – Zuppa di carciofi

Sfiniti, chiediamo di saltare i secondi perché abbiamo visto Michele Ainis, il mastro pasticcere del ristorante, fare magie con le sue fruste: la nostra piccola privazione viene assolutamente ripagata dal trionfo di dessert che ci viene portato al tavolo: bignè con crema morbida al cioccolato, ciuffetto di panna, opalina in zucchero e massa croccante alla nocciola; saint honorè rivisitata; brownies alle noci; crostata con base di mou, cioccolato 55% sciabolato e mandorle gratinate al forno; torta morbida alla gianduia fondente e, infine, crostata di frangipane, mele e marmellata di albicocche.

La Reginella Kosher – Michele Ainis, Mastro pasticcere

La Reginella Kosher – Misto dolci

La Reginella Kosher – Bignè con crema morbida al cioccolato, ciuffetto di panna, opalina in zucchero e massa croccante alla nocciola

Buono lo Chardonnay Gamla del 2014 che ci consiglia il maître, meno d’impatto il rosso. La carta dei vini è abbastanza varia, e comprende sia interessanti proposte israeliane che vini italiani (non troppi, per fortuna, così si è portati a scegliere vini più particolari).

La Reginella Gosher – Chardonnay Gamla 2014

Il pranzo si conclude alle 16.30, con stomaco pieni e presenza di spirito minata dal vino, ma è valso ogni attimo di tempo trascorso insieme.

È proprio vero che l’ottimo cibo, la bella compagnia e un buon vino riescono a rendere migliore anche una lunga giornata di pioggia!

 

La Reginella
Via del portico d’Ottavia, 65/61
00186 Roma
www.lareginella.it

 

Ti è piaciuto il nostro post?
Diccelo con un commento o con un semplice like

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Bilancia - Febbraio 2013
I Friarielli un piatto ricco di storia e dal sapore unico
Penne integrali con zucchine, quartirolo e noci di macadamia