Socialize

FacebookTwitterRSS

Cerca nel sito

La varietà è la spezia della vita

ConsuMare Giusto ci parla del consumo di gamberetti, un pesce piuttosto facile da trovare sulle tavole di tutti noi. Sentiamo cosa ha da dirci …
Di Daniele Tibi

Scommettiamo che possiamo dirvi quali pesci mangiate di solito?
Molto probabilmente tra le vostre scelte ci sarà il tonno, il pesce spada, le acciughe, il merluzzo i gamberi, il branzino e magari l’orata! Abbiamo detto giusto? E come abbiamo fatto ad indovinare? Semplice, esiste una classifica. Al mondo ci sono duemilacinquecento specie di pesce buono e commestibile, ma in genere se ne consumano circa quindici-venti. Perché?
Perché sono le più buone? No.
Perché sono le più sane? No.
Perché sono le più economiche? No.
Perché sono le più semplici da pulire o preparare? Sì.
Scopriamo insieme quali sono le scelte più comuni di noi consumatori, e quanto sono sostenibili.
Al ventesimo posto troviamo i gamberetti.
I gamberetti occupano l’ultima posizione della classifica che riguarda il consumo di pesce su duemilacinquecento, ma sono al primo posto della classifica del pesce non sostenibile sotto tanti punti di vista. I metodi di pesca (reti a strascico) distruggono l’habitat e causano catture accidentali di animali non desiderati (tartarughe marine, delfini, squali, uccelli) fino all’80-90% della pescata. Alcuni stati che li allevano non sempre hanno leggi che ne consentano la regolamentazione (ad esempio le regioni boreali), distruggono il prezioso habitat delle zone costiere (le foreste di mangrovie) e spesso gli stessi lavoratori del settore vengono sfruttati e non godono di alcuna tutela del lavoro. Inoltre, nei gamberetti allevati è possibile la presenza di contaminanti, anche dovuta all’utilizzo di obsoleti e dannosi antibiotici nelle vasche. Esistono allevamenti europei dotati della certificazione BIO, considerati sostenibili, i quali gamberetti sono però di difficile reperimento sul mercato. Altro prodotto sostenibile sono quelli pescati con le nasse, ma sono venduti a caro prezzo e solo sul mercato locale.
Se vuoi saperne di più visita il nostro sito.

 

Daniele Tibi
Daniele è un biologo specializzato in campo marino, subacqueo. Da sempre prova grande piacere nel trasmettere conoscenza scientifica a chi vuole saperne di più. Partendo da queste premesse da oltre 10 anni è impegnato nella divulgazione scientifica e nella formazione. Dal 2007 ha iniziato a sentire una forte spinta nel motivare sempre più persone a ripensare ai propri consumi alimentari, soprattutto nel settore ittico, e ad agire in modo concreto verso la salvaguardia del più vasto e a parer suo più affascinante degli ecosistemi: il mare. Poco tempo dopo, insieme a ELOR DSC, ha preso forma il programma ConsuMare Giusto che pone ogni giorno sfide nuove e stimolanti.

Ti è piaciuto il nostro post?
Diccelo con un commento o con un semplice like

Commenti

commenti

Budino di pere e semolino
"Metti un celiaco a cena" e la FornoStar più forte del web
A Tavola Sulla Spiaggia: parla Massimo Gelati Trionfante in due Categorie