Socialize

FacebookTwitterRSS

Cerca nel sito

L’olivo Restaurant Il Gusto Delle 2 Stelle a Capri

All’Olivo Restaurant 2 stelle michelin di Capri, lo chef Andrea Migliaccio vi delizierà con la sua cucina in un luogo magico

Scritto da Isabella Scuderi

Ristorante L’Olivo – Due Stelle Michelin


Profonde emozioni sorvegliano Capri, musa ispiratrice di stile e luoghi preziosi, la memoria dell’isola è una storia che narra la vita, la bellezza, la spensieratezza di tanti attimi Capresi. Quelle calette, quel mare blu profondo, quei sapori di sale e mare, qualcuno direbbe è il paradiso, qualcuno direbbe ho “capri nel cuore”.

 

Tanto elogio alla bellezza, ma a Capri gli intrecci sono tanti, come il piacere del cibo una eredità troppo forte per non essere poesia, sboccia la tavola e cosi è sempre primavera, in questo luogo da favola ci siamo recati all’unico ristorante 2 stelle michelin dell’isola; “L’olivo Restaurant” all’interno dello splendido Capri Palace prezioso srigno di accoglienza. Il clima è ricercato, con arredi eleganti e di gran gusto, total wite adornato da sculture e complementi di desing, quindi primo plauso va alla location e all’atmosfera raffinata, in tutto questo la premura e la preparazione del personale è davvero efficiente.


Ristorante L’Olivo – Due Stelle Michelin


Una cucina che sorprende quella dello chef Andrea Migliaccio, i suoi piatti sprigionano emozioni ogni qualvolta ne degustate un piatto, un menu senza riserve, certamente non possono mancare i piatti della tradizione rivisitati, qui i piatti si susseguono come se fossero note musicali, il menu alla carta ha pochi rivali la varietà delle proposte ti da la certezza che la classe non è per tutti, e in cucina ne hanno da vendere.

Menzione a questa portata simbolo di una terra vorace di sapori;

Noi per l’occasione scegliamo il menù degustazione che comprende una varietà di piatti, 6 portate per l’esattezza, ne selezioniamo quattro, lasciando fuori l’agnello e il dessert. L’antipasto mi ha davvero deliziata, (Cappesante con aparagi, uovo di quaglia, zabaglione allo champagne, e caviale), la voglia di mangiare mi si è amplificata dopo questa portata, e così a seguire un costante crescendo di sapori, vediamoli insieme;


Pre antipasti; zuppa di lumachine di mare, spuma di sedano rapa, e crostini

 

Cappesante con asparagi, uovo di quaglia, zabaglione allo champagne, e caviale

 

Risotto ai ricci, colatura di alici, acqua di pomodoro e friselle al finocchetto

 

Candele ripiene, gratinate con ragù Napoletano e fonduta di caciocavallo Podolico

 

Merluzzo nero al vapore con spinaci, pomodori secchi e spuma di Whisky

Ottima la scelta del vino che ha accompagnato la degustazione, un vino Piemontese di Calosso d’Asti, Crotin 2014, inteso, aromatico, fruttato di agrumi ed erbe.

Piccola pasticceria dell’Olivo Restaurant: pralina fondente all’olio extra vergine d’oliva, gelatina ai lamponi, baci di dama al pistacchio, tartelletta al cacao con crema al cappuccino e fragoline di bosco, diamante al caramello con cioccolato bianco, tartelletta con meringa morbida, amarena e crema al limone

 

Le dolcezze dell’Olivo Restaurant

Per finire in stile ci hanno presentato 2 carrelli semplicemente da favola per degustare ogni sorta di leccornia, (le dolci coccole) proposte di dolci presentati ad arte, il profumo degli aromi sprigionate dalle tisane da poter mixare a proprio gusto chiude in maniera piacevole l’esperienza gourmet.


Le emozioni a tavola? A l’Olivo Restaurant potrete viverle senza essere delusi, sapori autentici di una cucina elaborata col cuore è la sapienza di una filosofia premiata di gusto eccelso, al cospetto di un isola unica, Capri.

 

“L’uomo ragionevole adatta se stesso al mondo; Quello irragionevole insiste nel cercare di adattare il mondo a se stesso. Così il progresso dipende dagli uomini irragionevoli”

George Bernard Shaw

 

Executive Chef Andrea Migliaccio

Resident Chef Salvatore Elefante

Restaurant Manager Luca De Coro

Isabella Scuderi
Nata a Catania nel mese di ottobre, attualmente vive e lavora a Milano. Un Master in Giornalismo Enogastronomico presso l’Accademia Telematica Europea. Dopo alcune esperienza lavorative nel settore commerciale della ristorazione, intraprende l’attività di consulente per aziende del food ed editorialista per alcune testate a diffusione nazionale.Giornalista, Food Blogger, trendsetter, dopo alcuni anni passati a farsi le ossa in giro per l’Italia è ora libera professionista nel campo più ampio della comunicazione di eventi legati alla moda/enogastronomia di nicchia. Appassionata di scarpe e stili di vita, running e food, compra spesso libri di induismo e fisica quantistica legata alla legge di attrazione. Spesso in viaggio sulla rotta Milano -Montecarlo, ha fatto del glamour una esperienza esistenziale e mentale, sempre alla ricerca di nuove attrattive e stili da scoprire. Ha un blog: La cucina veste Isa, un luogo di armonie e di affetti, dove tradizione,passione e senso del bello, trovano la giusta relazione per spiegarlo.Collabora con l’ufficio stampa dell’Associazione Levi Montalcini nella comunicazione e divulgazione scientifica relativamente alla qualità e alle sue caratteristiche sensoriali dei cibi.

Ti è piaciuto il nostro post?
Diccelo con un commento o con un semplice like

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il branzino, questo conosciuto! ... E la spigola?
I Vini per la festa della Donna
Cheesecake all'anguria