Socialize

FacebookTwitterRSS

Cerca nel sito

MACARONS

I Macarons, dei dolcetti francesi delicati e da gustare in ogni occasione

Scritto da: Marina Birri

La loro origine è parecchio dibattuta.
Anche se prevalentemente è considerata una confezione francese, Larousse Gastronomique cita i macaron come dolci creati nel 1791 in un convento vicino Cormery.
Alcuni invece fanno risalire il suo debutto francese all’arrivo di Caterina de’ Medici, la quale commissionò a un pasticcere italiano il dolce che portò con sé nel 1533, quando sposò Enrico II di Francia.
Comunque sia, popolo dei golosi..andiamo in cucina a preparali insieme a me!

Abbinerei con questi meravigliosi dolcetti, Bai Hu Die, un te’ bianco dolce e spiccatamente fragrante.

Ed ora …ACCENDIAMO I FUOCHI!

MACARON
Print
Preparazione:
Cottura:
Complessivo:
Ingredienti
  • 130g di mandorle in polvere
  • 225g di zucchero a velo
  • 125g di albume
  • 60g di zucchero
  • Coloranti alimentari qb
  • Per la farcitura:
  • 200g di cioccolato fondente
  • 150g di panna
Istruzioni
  1. Seracciate le mandorle in polvere con lo zucchero a velo,
  2. montate gli albumi con lo zucchero semolato,
  3. mescolate delicatamente con le polveri setacciate.
  4. Stendete su carta da forno, aiutandovi con il sac a poche,
  5. attendete la formazione della crosta (quando non attaccano più alle dita).
  6. Cuocete in forno a 140° per 12 -15 minuti, a valvole aperte, altrimenti fate una pallina conla carta argentata e mettetela nell’apertura del forno.
  7. Per la farcitura:
  8. versate la panna bollente sul cioccolato, non toccatela,
  9. trascorso qualche minuto mescolate,
  10. aiutandovi con un sac a poche farcite i macaron!

Ti è piaciuto il nostro post?
Diccelo con un commento o con un semplice like

Marina Birri
Mi chiamo Marina Birri, vivo a Roma, una laurea in giurisprudenza, ma mai fatto l'avvocato, ho due figli ormai grandi e la mia più grande passione è la cucina, oltre la lettura. Cucinare è passione, è amore, è ricerca, sperimentazione ... toccare gli ingredienti e sentire che dal loro assemblaggio nascerà un piatto che darà felicità al palato di chi lo assaggerà, non ha euguali ...è l'estasi! La mia passione nasce in...Una cucina di tanti anni fa, la mia nonna paterna: inventiva, fantasia, creatività, ma anche rispetto delle tradizioni... e io bambina incantata dai suoi gesti, dalla sua maestria nel tirare una sfoglia, profumi meravigliosi, farina impalpabile vola nell'aria e lei lì che sforna il suo memorabile ciambellone (così alto non mi è mai venuto!). E ancora le sue torte e il magico quadernetto dove appuntava le sue ricette (chissà dove sarà finito?). Ero una bambina e la sua passione è diventata mia...amo cucinare, adoro scegliere gli ingredienti, manipolarli, tagliarli, cuocerli, friggerli, assemblarli e come in una favola magica si crea il piatto...la cucina è un'alchimia di passione, di amore, è una magia fantastica.

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Valuta questa ricetta:  

Treccia dolce ai lamponi
Ristorante La Bottega - Liberi (Ce)
Gnocchi croccanti di patate con funghi ostrica