Socialize

FacebookTwitterRSS

Cerca nel sito

Martini Dry

Martini Dry? Ce lo racconta Lara, per prepararci al capodanno. Lo fa ricordandoci qualche massima insuperabile sul Martini!
Di Lara Bianchini

Finiamo il 2013 con l’aperitivo simbolo per eccellenza di raffinatezza ed eleganza, un aperitivo che porta alla mente eleganti signore sedute al bar del Waldorf Astoria, o ricchi americani che servono eleganti coppe a bordo piscina…

Parliamo del Dry Martini, Il preferito di molti nomi legati allo show Buisness, ricordiamo tra tutti HemingWay che lo preferiva molto secco, il banchiere Rockfeller e James Bond che nell’immaginario di Ian Flemig lo preferiva fatto con la Vodka. La sua nascita ha origini sconosciute e non è dato sapere se prenda il nome dal suo creatore o da una analogia con il nome di uno dei suoi ingredienti.


Dry Martini
Print
Categoria: aperitivo
Autore:
Preparazione:
Complessivo:
Porzioni: 1
Ingredienti per un cocktail, aumentate in relazione agli ospiti
Ingredienti
  • 6 cl di gin (celebri anche le sostituzioni con Vodka e Tequila)
  • 1 cl di dry vermut
  • 1 oliva verde
  • olio di 1 fettina di scorza di limone
  • 1 coppa
Istruzioni
  1. Prendere una coppa da Martini e riempirla di cubetti di ghiaccio in modo da raffreddarne le pareti e farla restare molto fredda durante tutta la preparazione del cocktail (questo passaggio è molto importante per mantenerlo freddo più a lungo visto che poi non contiene ghiaccio in cubetti), poi riempire anche uno shaker di cubetti di ghiaccio.
  2. Con il colino in dotazione scolate l’acqua che il ghiaccio forma nello shaker e profumare il ghiaccio con il vermut dry.
  3. Vuotare le coppe dal ghiaccio una volta che sono ben fredde e versare il vermut, sempre aiutandosi col colino, nelle coppe. A questo punto versare nello shaker il gin, mescolare in modo che si rafreddi bene e sempre aiutandosi col colino versarlo nelle coppe. Prendete una falda di scorza di limone (usate un pelapatate per ricavarla) e spremetela nel liquido trasparente, Guarnite con un oliva verde.
  4. Il martini perfetto è secco, chiaro e puro.

Lara Bianchini
La cucina è da sempre una delle sue passioni ed è sempre stata relegata nell’angolo del poco tempo, poi un giorno si è stancata di avere poco tempo per tutto quel che le piace fare e ha deciso di darle voce e di passare dallo stato di impiegata/mamma/moglie di corsa che cucina in 30 minuti, alla donna che ama fare alcune cose seguendo i giusti tempi e dando la giusta calma ad alcuni aspetti della vita. Da qui anche la presa di coscienza relativa alla qualità, provenienza e stagionalità del cibo, che passa da riempimento a nutrimento, per il corpo ma anche per lo spirito e l’amore…

Ti è piaciuto il nostro post?
Diccelo con un commento o con un semplice like

Commenti

commenti

Scorpione – Aprile 2013
Östaia De Banchi - Genova
Le strade della mozzarella. Un viaggio essenziale