Socialize

FacebookTwitterRSS

Cerca nel sito

Mini brioche salate con mortadella, pistacchi e scamorza

Un antipasto davvero sfizioso che farà impazzire i vostri ospiti!

Scritto da Marina Birri

honest cooking ricetta Mini brioche salate con mortadella, pistacchi e provola

Mini brioche salate con mortadella, pistacchi e provola

Per chi ama il salato, ecco delle mini brioche farcite con mortadella, scamorza e pistacchi.
Le dosi che darò di seguito sono per fare una ciambella grande, ma dividendo l’impasto a metà, se avete a disposizione degli stampini , potete fare delle monoporzioni.

Popolo dei golosi del salato,con me in cucina a preparare questi sfizi!

Vino consigliato:

Cantina della Volta Lambrusco di Modena; un vino di buon corpo, molto indicato con queste brioche!

E ora … ACCENDIAMO I FUOCHI!

Mini brioche salate con mortadella, pistacchi e scamorza
Print
Categoria: Antipasti
Cuisine: Italiana
Autore:
Preparazione:
Cottura:
Complessivo:
Porzioni: 10
Ingredienti
  • 500g farina manitoba
  • 3 cucchiai di zucchero
  • 2 uova
  • 60g di burro
  • 180ml di latte tiepido
  • 1 cubetto di lievito di birra
  • 250g di mortadella
  • 1 scamorza
  • Pistacchi già sgusciati qb
Istruzioni
  1. Preriscaldate il forno a 180°
  2. Sciogliete il burro a bagnomaria, intiepidite il latte, fate la fontana con la farina e aggiungete
  3. lo zucchero, il lievito sbriciolato, le uova, il burro sciolto e il latte tiepido.
  4. Impastate con energia e mettete l’impasto a lievitare, coperto con la pellicola per almeno un’ora.
  5. Stendete ora l’impasto, dando una forma rettangolare di circa cm.50 x 30.
  6. Farcite la superficie con granella di pistacchi, fette di mortadella e scamorza a fette.
  7. Arrotolate e chiudete a cerchio.
  8. ungete una teglia per ciambella o foderatela con carta da forno, fate sopra alla ciambella dei tagli profondi e fatela lievitare per un’altra ora.
  9. Spennellatela con il latte.
  10. Fate cuocere a 180° per 25 – 30 minuti!

 

 

Marina Birri
Mi chiamo Marina Birri, vivo a Roma, una laurea in giurisprudenza, ma mai fatto l’avvocato, ho due figli ormai grandi e la mia più grande passione è la cucina, oltre la lettura.
Cucinare è passione, è amore, è ricerca, sperimentazione … toccare gli ingredienti e sentire che dal loro assemblaggio nascerà un piatto che darà felicità al palato di chi lo assaggerà, non ha euguali …è l’estasi!
La mia passione nasce in…Una cucina di tanti anni fa, la mia nonna paterna: inventiva, fantasia, creatività, ma anche rispetto delle tradizioni… e io bambina incantata dai suoi gesti, dalla sua maestria nel tirare una sfoglia, profumi meravigliosi, farina impalpabile vola nell’aria e lei lì che sforna il suo memorabile ciambellone (così alto non mi è mai venuto!). E ancora le sue torte e il magico quadernetto dove appuntava le sue ricette (chissà dove sarà finito?). Ero una bambina e la sua passione è diventata mia…amo cucinare, adoro scegliere gli ingredienti, manipolarli, tagliarli, cuocerli, friggerli, assemblarli e come in una favola magica si crea il piatto…la cucina è un’alchimia di passione, di amore, è una magia fantastica.

Ti è piaciuto il nostro post?
Diccelo con un commento o con un semplice like

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Valuta questa ricetta:  

Sogliola no. Halibut o meglio ancora Rombo allevato.
Pollo cotto SUL limone, dalla cara vecchia Martha...
Titaly, l'ecommerce della gastronomia italiana