Socialize

FacebookTwitterRSS

Cerca nel sito

Pane nero con noci e fichi secchi

Un pane legato all’infanzia di Elena e al suo territorio. Pane nero con noci e fichi secchi.
Di Elena Levati

Un pane legato alla tradizione, alla Valle Vigezzo e alla mie estati di bambina, quando felice e spensierata facevo merenda con i nonni sul pratone davanti a casa chidendone un’altra fetta, e poi un’altra ancora …

Pane nero con noci e fichi secchi
Print
Categoria: Pane
Autore:
Ingredienti
  • 150 gr di farina integrale di farro,
  • 150 gr di farina integrale di segale,
  • 500 gr di pasta madre,
  • 300 gr di pasta vecchia (100gr farina forte, 100gr farina debole, 100ml acqua, 4gr lievito di birra),
  • 180 ml di acqua,
  • 100 gr di noci già sgusciate,
  • 250 gr di fichi secchi,
  • 15 gr di sale,
  • 1 cucchiaio raso di zucchero di canna,
  • una noce di burro.
Istruzioni
  1. -12 ore prima dell’impasto finale, impastate le due farine integrali con l’acqua (a circa 50°) , in cui avrete sciolto il sale e lo zucchero. Tenete coperto a temperatura ambiente.
  2. Sempre circa 10 ore prima, preparate la pasta vecchia impastando 100 gr di farina forte, 100 gr di farina debole, 100 ml di acqua tiepida e 4 gr di lievito di birra.
  3. Per ottenere la quantità di pasta madre matura riportata , sono necessari 3 rinfreschi ( l’ultimo circa 10 ore prima dell’impasto finale, usando metà farina forte e metà farina di segale integrale). Ricordo che per i rinfreschi si usa una quantità di farina uguale al peso della pasta madre da rinfrescare più la metà in peso di acqua a 40° e che si passa da un rinfresco a quello successivo quando l’impasto è triplicato di volume.
  4. Prima dell’impasto finale preparare la frutta secca : tagliate a pezzettini i fichi ed i gherigli di noce e mescolateli insieme alla noce di burro sciolta sul fuoco.
  5. Impastate infine la pasta vecchia , la pasta madre, le farine integrali preparate precedentemente e la frutta secca per 10 min nell’impastatrice. Lasciate riposare l’impasto per circa 1 h, riprendetelo e formate due pagnotte: fatele lievitare per 2 h a 30° in ambiente umido ( io uso il forno a 30° con una casseruola con acqua appena calda sul fondo).
  6. Alla fine della lievitazione, le pagnotte devono essere almeno raddoppiate di volume: mettetele in forno già caldo a 200° per 10 minuti con vapore e continuate la cottura per altri 30 minuti a 180° senza vapore.
Note
Questo delizioso pane si presta sia ad essere gustato insieme a formaggi stagionati e salumi affumicati, sia ad essere gustato per colazione leggermente spalmato di burro e confettura di fichi neri o miele.

 

Ti è piaciuto il nostro post?
Diccelo con un commento o con un semplice like

Elena Levati
A Elena piace: avere le mani sporche di farina, la pasta frolla, la frutta nei piatti salati, spolverare la cannella sopra il cappuccino ogni mattina, fare colazione con il pane fresco, la pasta madre, far parte di un gruppo di acquisto solidale, mangiare la zucca con la buccia, reinventarsi tutta una cena con gli avanzi del giorno prima, pulire i melograni, avere le mani viola dopo aver raccolto i mirtilli, andare per funghi, il sorriso di suo marito quando assaggia un suo esperimento culinario, leccarsi le dita dopo aver ripulito il barattolo del miele, andare in bicicletta, il cornicione della pizza napoletana, scovare i ristorantini da pochi coperti con i sapori di una volta, impastare biscotti mentre fuori nevica, temperare il cioccolato. Elena tiene corsi di cucina per grandi e piccini; è autrice del blog conunpocodizucchero.it, delle ricette e delle fotografie che le accompagnano.

Commenti

commenti

Torta al cioccolato facile facile
Patate croccanti
Ecco com'è il nuovo Basara Milano, in Corso Italia