Socialize

FacebookTwitterRSS

Cerca nel sito

Pfarrhof Kaltern: Alto Adige da bere!

Un sorso di Alto Adige: Carlotta ci porta a Caldaro per degustare un buon Pfarrhof Kaltern.
Di Carlotta Invrea


In Alto Adige si trovano alcune delle zone vitivinicole più antiche del mondo. Già gli antichi romani apprezzavano i vini di questa terra e nel XIX secolo, quando la regione faceva parte della monarchia asburgica, i vini altoatesini erano molto richiesti in tutte le metropoli austro-ungariche.

Oggi vengono coltivate oltre 20 varietà di uve ad un’altitudine che va dai 200 a 1.000 metri sopra il livello del mare.

 

La località vitivinicola di Caldaro si trova 15 km a sud di Bolzano e leggermente al di sopra del Lago di Caldaro.

I 440 soci della Cantina Kaltern, una delle piú importanti e solide aziende altoatesine, coltivano 300 ettari di vigne. Il lavoro nel vigneto viene svolto quasi esclusivamente a mano, con l’applicazione di rigide disposizioni per il controllo della qualità.

Il Moscato Giallo Passito Serenade ha conquistato quest’anno per l’ennesima volta i Tre Bicchieri, il Pinot Grigio è annoverato tra i migliori Pinot d’Italia ed il Pfarrhof rappresenta il punto di riferimento della denominazione lago di Caldaro.

 

Mi ha incuriosita il Pfarrhof Kalterersee Auslese…

 

Vino dal colore rosso rubino brillante, molto fruttato con prevalenza di aromi quali la fragola, il lampone, la ciliegia e una nota di mandorla, ha un gusto pieno caratterizzato da morbidi tannini e grande persistenza.

 

Un calice di questo vino si può gustare anche fuori pasto, pur accompagnadosi bene ad antipasti e piatti della tradizione tirolese, affettati misti, carni bianche e formaggi fresci.

 

Carlotta Invrea

Ti è piaciuto il nostro post?
Diccelo con un commento o con un semplice like

Carlotta Invrea
Carlotta è nata a Torino il 21 dicembre sotto il segno del Sagittario: il più curioso e amante dei viaggi dello zodiaco... La predisposizione per la letteratura e l'arte in tutte le sue forme l'ha portata a laurearsi al D.A.M.S. indirizzo cinema, e la passione per la scrittura a continuare gli studi seguendo un Master in giornalismo. La cucina è una passione che nasce nella notte dei tempi, le piace provare piatti nuovi e vini provenienti da ogni parte del mondo. Ama cucinare con l'accompagnamento di buona musica ed un calice di vino preferibilmente rosso. Nel dicembre 2011 è stato pubblicato il suo primo romanzo dal titolo "NEL BICCHIERE DI UNA DONNA" edito dalla Lazzaretti Editore ed ambientato in una vineria delle Langhe...

Commenti

commenti

Agli Amici, tra le braccia di Emanuele Scarello
Settore Ristorazione: il Web, questo sconosciuto
Intervista a Quique Dacosta