Socialize

FacebookTwitterRSS

Cerca nel sito

Riso Venere su crema di carciofi, chantilly di caffè e mazzancolle

Un piatto diverso, un primo insolito. Una raffinata combinazione di sapori.
Di Micol Cerruti

Golosa, vellutata, carezzevole, pura gioia dei sensi, tradizionalmente destinata alla pasticceria dove non manca mai nel cuore di golosi bignè o in sontuose coppe di frutta … ma perchè non sperimentarla anche in preparazioni più “audaci” e poco “convenzionali”?!

Riso Venere su crema di carciofi, chantilly di caffè e mazzancolle
Print
Categoria: Primi
Autore:
Preparazione:
Cottura:
Complessivo:
Porzioni: 2
Ingredienti
  • 150 gr di riso Venere
  • 2-3 carciofi (vanno bene anche quelli surgelati)
  • 6 code di mazzancolla
  • 100 ml di panna fresca non zuccherata (fredda di frigo)
  • uno scalogno
  • olio extravergine di oliva
  • sale
  • pepe
  • 2 cucchiai di Brandy
  • 1 cucchiaino di polvere di caffe'
Istruzioni
  1. Lessare il riso in abbondante acqua salata,per almeno 45 minuti.
  2. Nel frattempo eliminate il carapace dalle code di mazzancolla e tritate finemente lo scalogno.
  3. In un tegame far imbiondire lo scalogno con un filo di olio per qualche minuto a fuoco dolce.
  4. Aggiungere le mazzancolle e farle dorare,quindi sfumarle con il Brandy;lasciar evaporare ,spegnere il fuoco e lasciar riposare.
  5. Dopo aver pulito e affettato i carciofi,sbollentarli in padella con un filo di olio,un pizzico di sale e pepe.Aggiungere acqua se necessario.
  6. Una volta cotti,farli raffreddare dopodiche' frullarli con un mixer ad immersione aggiungendo acqua se il composto risulta troppo denso (non deve essere comunque troppo liquido).
  7. Una volta cotto, scolare il riso e riempire con questo due stampini da budino rivestiti di pellicola trasparente.
  8. Dopo averli riempiti pressarli bene facendo compattare il riso.
  9. Quindi aggiungere la crema di carciofi e compattare ancora;lasciare negli stampi per qualche minuto di modo che il riso prenda la forma dello stampino.
  10. A questo punto montare la panna(che deve essere fredda di frigo) e aggiungere un cucchiaino scarso di polvere di caffe'.
  11. Potete anche montarla in anticipo ,l'importante e' tenerla al fresco fino al momento dell'impiattamento.
  12. A questo punto impiattare capovolgendo lo stampino (l'operazione sara' facilitata dalla pellicola trasparente).
  13. Aiutandovi con due cucchiai,creare una quenelle con la panna aromatizzata al caffe', che adagerete sulla superficie del tortino.
  14. Aggiungere anche le mazzancolle,3 o 4 per tortino.
  15. Decorare con un pizzico di polvere di caffe' e un filo di olio .

 

Ti è piaciuto il nostro post?
Diccelo con un commento o con un semplice like

Micol Cerruti
Micol e' piemontese di origini ed è nata nella terra del riso, dove ha vissuto fino all'eta' di 25 anni. Nel 2005 si trasferisce prima a Todi e poi a Perugia, nel cuore verde dell'Italia, dove vive tutt'ora. Ha fatto della cucina una piccola arte e ama sperimentare ingredienti poco noti e conosciuti trasformandoli in una sorta di "esperienza mistica". Il suo blog nasce in primis con l'intento di riportare alla luce vecchie ricette, le cosiddette ricette della nonna aggiungendovi insoliti particolari per renderle uniche. Micol ha tre grandi passioni: i gatti, i dolci e ... lo zenzero.

Commenti

commenti

Muffin alla zucca con mele e bacche di Goji
ART & WINE: IL VINO DIVENTA ARTE
TENUTE SALVATERRA L'ARTE DELL'AMARONE