Socialize

FacebookTwitterRSS

Cerca nel sito

Rosa al pesto (pane al pesto con pasta lievitata)

Oggi vi presento la prima delle ricette preparate con la pasta lievitata: la rosa al pesto.

Scritto da: Delizie&Confidenze

pane al pesto

pane al pesto

Un lievitato molto soffice e morbido all’interno, con una superficie più colorata e biscottata tutt’intorno, farcita con un buon pesto homemade (ricetta base per il pesto genovese qui) e lavorata per dare la forma di una deliziosa rosa.
Si possono realizzate con la stessa tecnica delle piccole roselline (paninetti), oppure un’unica grande rosa (pagnotta) come in questo caso.
Ideale per accompagnare contorni di verdure, oppure da preparare per un pasto all’aperto e gustare da solo.
Rosa al pesto (pane al pesto con pasta lievitata)
Print
Categoria: pasta lievitata
Cuisine: vegetariana
Autore:
Preparazione:
Cottura:
Complessivo:
pasta lievitata (pane) decorata e farcita con pesto di basilico
Ingredienti
  • Per l'impasto base (per una pagnotta grande in teglia da 20 cm):
  • 200 gr di farina 00
  • 400 gr di farina manitoba
  • 25 gr di lievito di birra fresco
  • 10 gr di zucchero semolato
  • 10 gr di sale integrale fino
  • 50 ml di olio di oliva
  • 1 cucchiaio di aceto di vino bianco
  • 300 ml di acqua tiepida
  • Per il pesto (per farcire tutta la rosa da 20 cm):
  • 100 gr di foglie di basilico fresche e giovani
  • 100 ml olio extravergine d'oliva
  • 40 gr di Parmigiano Reggiano grattuggiato
  • 40 gr di Pecorino grattuggiato
  • 60 gr di pinoli
  • 1 pizzico sale marino grosso
  • 1 spicchio d'aglio (facoltativo)
Istruzioni
  1. Prepariamo il pesto:
  2. lavate le foglie di basilico sotto acqua corrente con delicatezza per non rovinarle troppo ed asciugare accuratamente (tamponando) con un panno pulito, senza stropicciare le foglie.
  3. Mattere l'aglio sbucciato nel mortaio e cominciare a pestare; quando l'aglio si sarà ridotto in crema, aggiungere le foglie di basilico insieme ad un pizzico di sale grosso, che servirà a frantumare meglio le fibre e a mantenere un bel colore verde acceso
  4. Schiacciare quindi il basilico contro le pareti del mortaio ruotando il pestello, continuate così fino a quando dalle foglie di basilico non uscirà un liquido verde brillante: a questo punto aggiungere i pinoli e ricominciare a pestare per ridurre in crema.
  5. Aggiungere i formaggi un po' alla volta, mescolando continuamente, i quali andranno a rendere ancora più cremosa la salsa.
  6. Per ultimo aggiungere l'olio di oliva extravergine che andrà versato a filo, mescolando sempre con il pestello.
  7. Amalgamate bene gli ingredienti fino ad ottenere una salsa omogenea.
  8. Prepariamo la pasta lievitata:
  9. in una ciotola versare tutti gli ingredienti (il panetto di lievito sbriciolato grossolanamente), ad eccezione dell'acqua tiepida nella quale sciogliere il sale.
  10. Versare l'acqua poca alla volta nella ciotola ed iniziare a lavorare con le mani, fino a quando gli ingredienti secchi si saranno ammorbiditi ed avranno iniziato ad amalgamarsi, quindi aggiungere altra acqua e continuare a lavorare; ripetere fino ad inserire tutta l'acqua nell'impasto che vien man mano a formarsi.
  11. Questo procedimento può essere effettuato anche con la planetaria, avendo cura di aggiungere l'acqua (in cui abbiamo sciolto il sale) sempre poca alla volta.
  12. A questo punto infarinare il piano da lavoro e trasferirvi il composto per poterlo lavorare energicamente per almeno 5 minuti, fino ad ottenere cioè un impasto solido, liscio e non appiccicoso.
  13. Formare una palla mettere a riposare in una ciotola ben oleata, coperta con un panno asciutto e pulito, in un luogo caldo (io nel forno con la sola luce accesa).
  14. Lasciar lievitare la pasta fino al suo raddoppio, per un massimo di 1 ora.
  15. Dividere l'impasto in tante palline e stendere ogni pallina sul piano infarinato.
  16. Con un mattarello stendere in una sfoglia molto sottile e rettangolare, quindi spennellare il rettangolo di sfoglia con il pesto, lasciando un cm vuoto sui lati.
  17. Arrotolare molto stretto ogni sfoglia farcita e sigillare ogni rotolo bagnando leggermente il bordo con un poca acqua.
  18. Tagliare il rotolo a metà e girare la parte farcita del rotolo verso l'alto (così da non far scappar via il pesto).
  19. Per facilitarsi in questa operazione, lasciare la parte della chiusura del rotolo verso il basso a contatto con il piano di lavoro.
  20. Unire le due estremità del rotolo tagliato e iniziare ad intrecciarle tra loro, cercando di mantenere la parte farcita verso l'alto.
  21. Solo per la prima treccia realizzata:
  22. intrecciate le due metà del rotolo, arrotolare su se stessa e iniziare a dar forma alla rosa.
  23. Disporre la prima rosa sulla teglia oleata e infarinata.*
  24. Man mano che si realizzano le altre trecce (con le relative metà di ogni rotolo tagliato longitudilmente) NON arrotolare come sopra, ma adagiare ogni treccia intorno alla rosa già disposta nella teglia*, dando movimento alla composizione intrecciando le diverse trecce (passatemi il gioco di parole) che si vanno man mano a disporre intorno alla rosa iniziale.
  25. Terminata la composizione della rosa, spennellare la superficie con del pesto diluito in poca acqua.
  26. Infornare in forno già caldo e modalità statica a 180°C per 25-30 minuti, e finché non risulta dorata in superficie.
  27. Nel caso di piccoli paninetti, formare la rosa iniziale (procedura della prima treccia*), senza aggiungere altre trecce intorno.
  28. La cottura sarà più breve e saranno sufficienti 15 -20 minuti sempre in forno già caldo e modalità statica a 180°C
  29. Una volta sfornate, lasciar raffreddare completamente prima di gustare.
Dimensione: 6
Note
http://www.delizieeconfidenze.com/2017/04/rosa-al-pesto-pane-al-pesto.html

Ti è piaciuto il nostro post?
Diccelo con un commento o con un semplice like

Delizie & Confidenze
Nata in un paesino in provincia di Roma, e trasferita per amore al ridosso della capitale, oggi mamma di Riccardo, meglio conosciuti da tutti i miei lettori come “topino”. Pasticciare tra i fornelli, creare nuovi piatti dolci e salati è ciò che amo fare da sempre! E da questa passione per la cucina è nato il mio blog “Delizie & Confidenze”, un mondo virtuale dove raccontarmi e condividere le mie esperienze e il mio crescere tra i fornelli. La mia maestra più importante è stata la mia mamma, e da lei ho ereditato le ricette più tradizionali della mia famiglia che vanno dai sapori di una cucina più ciociara, grazie alle origini di mia mamma, a quelli di una cucina lucana, grazie alle origini di mio padre. A soli due anni di età del mio topino però, una rivoluzione nella mia cucina: con la scoperta delle allergie alimentari del mio bambino, ho iniziato a studiare e a far mie le ricette della cucina vegana; per dargli la possibilità di non rinunciare a nulla, oltre ad una ricerca più curata di materie prime più biologiche. Amo tutto ciò che è arte e creatività. A farmi felice è il sole, il mare, gli animali, cucinare e, soprattutto, gli abbracci ed i sorrisi di topino. Per lui e grazie a lui sono autrice di una raccolta di filastrocche. Oggi pasticcio ai fornelli per lui, per gli amici, e per tutti voi che cercate un nuovo spunto per un nuovo piatto sul web. Sabrina

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Valuta questa ricetta:  

Torta di mele e zucca, senza glutine
Dove fare la spesa a New York
Toro - Oroscopo Culinario anno 2014