Socialize

FacebookTwitterRSS

Cerca nel sito

Un foodblogger al Salone Internazionale del Gusto 2012

Anche Roberto ci racconta l’evento dell’anno: il Salone del Gusto a Torino, dice, è per un food blogger quello Disneyland è per un bambino.
Di Roberto Berti

Il Salone del Gusto, quest’anno insieme a Terra Madre, ha dato luogo alla più grande manifestazione mondiale dedicata agli amanti del buon cibo e della terra. È stato descritto come l’evento unico dove i protagonisti sono il cibo e il canto della Terra. Il Salone del Gusto è il luogo ideale per “girare” il mondo, assaggiando, gustando ma principalmente “ascoltando” il racconto dei singoli produttori, spesso piccoli, che ti raccontano con passione di introvabili formaggi, farine, dolci, salumi, vini e birre artigianali, queste ultime in forte aumento nel corso degli ultimi anni.

Partecipare al Salone del Gusto per un foodblogger è come andare a Disneyland per un bambino, per noi che amiamo scoprire le qualità e le storie che ci sono dietro ad ogni singolo prodotto di qualità non esiste posto migliore.

La mia due giorni è cominciata con un giro per le eccellenze italiane, ho avuto modo di assaggiare, ma forse sarebbe meglio dire gustare, tantissimi prodotti di “nicchia” che non troviamo nella grande distribuzione ma che racchiudono in se tutta la passione e i sacrifici che spesso generazioni hanno messo in campo per raggiungere l’obiettivo di un prodotto di eccellenza.

Alcuni prodotti Italiani

foto by RIBBInCUCINA

Ma non solo Italia, quest’anno ampio spazio è stato dato al resto del mondo con una sezione dedicata ai piccoli produttori stranieri. La cosa bella di partecipare ad un evento del genere come foodblogger sta nel fatto che spesso si viene visti dai produttori come un amico sincero, questo perché il foodblogger non ha nessun interesse, recensisce un prodotto con sincerità, oggigiorno rappresenta la voce autorevole ed amica a cui chiedere un consiglio su un prodotto o su un ristorante, questo perché il foodblogger fa il suo “lavoro” con passione e neutralità in quanto amante del buon cibo, in poche parole è LIBERO!.

Prodotti esteri

foto by RIBBInCUCINA

Il Salone del Gusto è il posto ideale per mettere a dura prova tutti i sensi del gusto, anche l’umami, visto che c’è chi produce una gelatina in grado di enfatizzare questo quinto gusto. È il posto dove puoi trovare chi produce cioccolatini con ganasce di pecorino di fossa, creme aromatizzate di latte di pecora, gelatine di birra per accompagnare formaggi. Insomma in poche parole è il paese dei balocchi per chi ama mangiare bene. Il Salone del Gusto mi ha lasciato le storie dei produttori italiani e stranieri (uno su tutti la comunità del pepe nero del Rimbàs) e una valigia piena di prelibatezze, dal paté di fegato di rana pescatrice (produttore galiziano), alla confettura piccante di zucca, passando per la colatura di alici e le spezie asiatiche alcune introvabili come il pepe nero lungo e il machis, fino ad arrivare al caciofiore un formaggio della campagna romana ottenuto con latte di pecora e caglio vegetale, di questo formaggio ce ne parla Columella nel suo trattato “De Rustica”: “Conviene coagulare il latte con caglio di agnello o di capretto, quantunque si possa anche rapprendere con il fiore di cardo silvestre o coi semi del cartamo o col latte di fico. In ogni modo il cacio migliore è quello che è stato fatto col minimo possibile di medicamento“. (Lucio Giunio Moderato Columella, “De Rustica”, 50 d.C.).

Insomma un viaggio nel paradiso dei sapori che sicuramente rifarò!

Ti è piaciuto il nostro post?
Diccelo con un commento o con un semplice like

Roberto Berti
Roberto "Ribbi" Berti è nato e vive a Roma con le sue 3 donne (la moglie e 2 splendide figlie). Ama viaggiare il buon mangiare e il buon bere, gli piace provare le cucine locali come fosse uno del posto. La sua mente è sempre al lavoro sulla prossima ricetta che realizzerà. Ama creare, non copiare. Da buon romano adora il "quinto quarto", per cui farebbe follie.

Commenti

commenti

Ghiaccioli alla ciliegia e al melone di Cantalupo
California Bakery's Apple Pie
QUEL PIZZICO IN PIÙ: ANICE STELLATO E MENTA