Accostamenti insoliti: Vega Sicilia Unico e Baron’Ugo!

Un confronto interessante tra 2 vini completamente diversi ma dal carattere unico: Vega Sicilia Unico e Baron’Ugo.
Di Ivan De Chiara

Il Vega Sicilia “Unico” è un vino prodotto nella Ribera del Duero, da vigneti posti a 750 metri sul livello del mare nelle vicinanze del fiume Duero; IL vino spagnolo per eccellenza. Ogni annata ha il suo uvaggio, il suo persorso, la sua attesa (anche 23 anni prima di uscire in commercio), tutto deve adattarsi per l’unicità dell’unico. E così invece di andare al cinema (che il mercoledì costa meno) mi sono ritrovato a maneggiare questa bottiglia: Vega Sicilia Unico 1995 (tinto fino 85% cabernet sauvignon 15%). Segno della croce e vai col cavatappi. Tappo magistrale, fiuuuuu sospirone di sollievo.

Il suo color nero profondo emana rispetto. Un paio di minuti di solitudine per concentrarsi e ha iniziato a cantare. Intensità e ampiezza ai massimi livelli. Verrebbe da dire “è così complesso che non sto ad annoiavi con l’elenco dei profumi” e invece voglio essere fastidioso. Succo di mirtillo, confettura di more, prugna, liquirizia, cioccolato fondente, caffè d’orzo, terra, caramello, sigaro, bacon affumicato, peperone arrostito, eucalypto.. in un’ora e mezzo nel bicchiere non si è mai fermato. In bocca me lo aspettavo ancora più consistente e invece si beve che è una meraviglia. Tannini magistrali, finale lunghissimo, difficile pretendere di più.. A volte capita di bere vini in tripla cifra e rimanere delusi dalle enormi aspettative che per forza di cose si hanno. Certo non vincerà il premio rapporto qualità prezzo ma è un capolavoro.
Di fianco all’Unico avevamo un altro bicchiere e dato che i bicchieri vuoti ci fanno tristezza lo abbiamo riempito con un bel Chianti Classico riserva Baron’ Ugo 2006 di Monteraponi che non ha certo fatto la figura della comparsa.

Rubino luminoso, sbuffa mineralità a profusione. Ferro, lapis , ciliegia, melograno e petali di rosa. Profumi intensi netti e ammalianti. Elettrizzante in bocca, scattante come un bambino nell’ora di ricreazione, spigola e raddeggia come ci si aspetta da un vino che deve spigolare e raddeggiare senza difettare in eleganza, Vino di grande personalità, nervoso e affascinante, un cavallo che vuole galopparea briglie sciolte.

Da maratona l’Unico, da 400 metri a ostacoli il Barone.
Unici entrambi.

Torna in alto