Crème Brulée ai fiori di lavanda

La lavanda è simbolo di purezza esteriore e interiore: Micol ce la racconta e ci cucina una Crème Brulée.
Di Micol Cerruti

Da qualcuno celebrata come l’unico aroma possibile, il profumo antico della cerulea lavanda, simbolo di purezza esteriore e spirituale che apre all’altruismo e rende ottimisti. In Egitto era uno dei componenti di un’unguento che si scioglieva lentamente con il calore del corpo e lo profumava…..allo stesso modo era incorporata nell’olio delle lucerne per profumare i luoghi di culto. Gli antichi Greci lo usavano nei riti di purificazione per allontanare ogni tipo di negatività e per favorire la felicità, l’amore e il raggiungimento della pace interiore. Oggi importante pianta officinale, usata per produrre profumi ma anche utilissima nel campo dell’aroma terapia ed altri usi officinali, grazie alla sua ricchezza di sostanze aromatiche ed essenziali … ed ora preparatevi … sarete avvolti da una nube di aromatica freschezza e riscoprirete gli antichi gesti di una volta …

Crème Brulée ai fiori di lavanda
Categoria: Dolci
Autore: Micol Cerruti
Preparazione: 5 mins
Cottura: 30 mins
Complessivo: 35 mins
Porzioni: 4
Ingredienti
  • 400 gr di panna freschissima
  • 4 cucchiai di zucchero semolato
  • 1 cucchiaio colmo di fiori di lavanda essiccati(commestibili)
  • 4 tuorli
  • 4 cucchiai di zucchero di canna
Preparazione
  1. In un casseruolino scaldare la panna a 90 gradi con lo zucchero semolato,mescolare per farlo sciogliere e mettervi in infusione i fiori di lavanda per 10 minuti circa.
  2. Aggiungere i tuorli al composto tiepido,mescolando con cura,poi filtrare con un colino fine e riempire 4 stampini da forno di porcellana.
  3. Posare in una teglia contenente acqua molto calda e passare in forno gia’ caldo a 120 gradi per circa 3o minuti.
  4. Togliere dal bagnomaria,lasciar intiepidire e poi passare in frigo per almeno due ore:la crema deve essere ben fredda.
  5. Cospargerla con lo zucchero di canna,caramellarla con il cannello(o sotto il grill del forno) e servire.
Torna in alto