Il bagel, ovvero: come imparare a non preoccuparsi per la prova costume

Gli amici di The Bagel Factory ci spiegano che il bagel, oltre a essere buono, è anche light.
Di The Bagel Factory

I primi incoraggianti segnali della primavera cominciano ad arrivare: giornate più lunghe, qualche uccellino che azzarda un trillo, e un’aria più leggera. E con l’arrivo della bella stagione, tanto atteso, comincia il bombardamento pubblicitario e mediatico sulla – meno attesa – prova costume. Si passa, quasi senza soluzione di continuità, dalle ipercaloriche abbuffate natalizie a diete punitive che d’improbabile non hanno solo il nome.

Se pensate che espiare i peccati culinari voglia dire rinunciare ai vostri amati bagel, vi sbagliate. Ovviamente, non vi racconteremo che un bagel farcito è lo spuntino perfetto per modelle filiformi.

Anzi, se non credete alle false promesse all’insegna di “gusto e leggerezza”, credete a noi: un bagel può essere non tanto un piatto light, quanto un pasto equilibrato e bilanciato.

Partiamo dal bagel stesso: carboidrati, temibilissimi carboidrati. Stiamo parlando di pane, è vero, ma anche di un prodotto senza grassi, lievitato in modo naturale e con ingredienti genuini, senza additivi chimici. E per una volta, potreste rinunciare a un po’ di vita sociale – o essere più easy – e provare quello alle cipolle, che oltre a essere irrimediabilmente buone sono anche drenanti.

Per la farcitura, l’ideale è abbinare fibre e proteine. Quindi verdura, come peperoni arrosto (serbatoio di vitamina C), pomodori freschi e hummus di melanzane, ricco di fibre e ipocalorico. E poi, pastrami di manzo: oltre a formare l’accoppiata perfetta con i bagel, è anche gustoso e altamente proteico, magro, senza conservanti.

La ciliegina sulla torta, in questo caso, sono i cetrioli sott’aceto. I pickles, perfetti con il pastrami, sono ricchi di acido tartarico, che favorisce la digestione e lo smaltimento dei grassi.

Infine, un piccolo segreto di bellezza. La felicità a tavola, forse, non vi farà perdere i chili di troppo. Ma vi aiuterà sorridere di più!

Torna in alto