Sense Memory – Il cuore e l’anima del riso

Sense Memory

Denise Sakaki inaugura la sua rubrica Sense Memory parlando dei ricordi che una ciotola di riso le evoca dall’infanzia ad oggi.
Di Denise Sakaki

Il riso è così semplice e basilare che passa sempre in secondo piano rispetto alla varietà e la ricchezza degli altri ingredienti. Spesso è la roba lasciata indurire in qualche scatola avanzata di un take-away cinese, perché tutti preferivano i noodles. Eppure rimane il cereale più consumato al mondo. La sua storia può essere fatta risalire al 1400 aC in tutta l’Asia. La lavorazione e il commercio del riso è stato illustrato nelle stampe xilografiche 19 ° secolo dall’artista giapponese Katsushika Hokusai. Il riso, senza molte pretese disposto in una piccola ciotola, ha il potenziale per costruire nazioni e culture, per nutrire molte vite. Ed è qualcosa che noi non pensiamo fino a quando non diventa di vitale importanza, sia per la mente e il corpo.

Io non sono cresciuta mangiando purè di patate ma ho sempre mangiato del riso bianco in ogni pasto. Mia madre lo prepara prima, sciacquava i chicchi di riso, prendeva le giuste dosi e lasciava che il fornello da riso si prendesse cura del resto. Il riso non era un accompagnamento, ma solo un residente permanente in ogni piatto. Ma non mi sono resa conto di quanto fosse importante per me fino a quando ho lasciato casa. Mi sono trasferita in un posto strano, nuovo, con niente di simile alla mia nazione di origine. Una delle prime cose che ho acquistato è stato un fornello di riso, e appena arrivata ero una laureata senza lavoro e il riso mi permetteva di spendere poco per mangiare. Preparavo il riso come mia madre e questo mi faceva sentire di nuovo a casa. La solitudine dovuta all’essere lontana dalla mia famiglia spariva al primo morso e il sapore del chicchi lucidi e puri mi evocava le stesse sensazioni di tanti pasti con la mia famiglia.

Non sono l’unica ad avere queste sensazioni mangiando questo semplice piatto. Qui sotto trovate alcune testimonianze che ben illustrano l’affetto collettivo verso un’umile ciotola di riso.

– L’odore di riso cotto mi ricorda l’infanzia, mia nonna che fa il sushi e l’attesa del “pop” del pulsante del fornello da riso che ci segnalava che la cena era pronta … L’odore era un segno che papà sarebbe tornato presto a casa dal lavoro. L’odore di cottura del riso nel bel mezzo della giornata significava che era un’occasione speciale.
Lisa Nakamura, chef e proprietaria del ristorante Allium Lily nelle Orcas Island (Stati Uniti)

Ci sono molti giorni quando torno a casa che sono completamente esaurita e ho bisogno di qualcosa per calmare la mia mente e calmare la mia anima. Il più delle volte finisco per fare una po’ di riso. L’odore che si diffonde attraverso l’appartamento quando il riso cuoce via è meraviglioso. Per me, il riso rappresenta il comfort semplice che si trovavano nelle cucine giapponesi.
Rachael White, scrittrice e fotografo al TokyoTerrace.com

– Il profumo di una partita di riso fumante significa casa e tutto ciò che riguarda la mia eredità giapponese essendo cresciuta alle Hawaii.
Sharon Hisae Nishihara, artista e insegnante

– Pochi minuti prima che il riso sia pronto riesco a sentire il suo conforto salutare. Sento il calore prima ancora di prendere quel primo morso.
Shirley Karasawa, blogger sul cibo giapponese su LovelyLanvin.com

– Mia madre mi ha ricordato più volte un detto cinese (“Ogni chicco di riso richiede un duro lavoro.”) e ha instillato in me l’etica del lavoro e un cuore riconoscente per tutto quello che ho. Non è un’esagerazione per me dire che la cultura cinese è stata costruita sull’etica del lavoro instancabile per gli innumerevoli chicchi di riso. Il grano umile detiene una dolcezza sottile e un aroma floreale che cambia a seconda del raccolto e il tempo del raccolto.
Melody Fury, fondatrice di VancouverFoodTour.com e scrittrice di cibo su GourmetFury.com

Torna in alto