Vini Emiliani: alla riscoperta dello stile mediterraneo

Wines from the south of Europe – Mediterranean Wines: HonestCooking.it presenta tre vini emiliani.
Di  Marco Dall’Igna

Nelle prossime settimane HonestCooking.it presenterà tre vini tipici dell’Emilia Romagna nell’ambito del progetto “Wines from the south of Europe – Mediterranean Wines” finanziato dall’Unione Europea.

L’Enoteca Regionale dell’Emilia Romagna infatti, in collaborazione con la Camera di Commercio del vino della Trakia (Bulgaria) e il Consorzio dei produttori della Grecia, è impegnata in un progetto internazionale di promozione dello “Stile Mediterraneo” nel consumo di vino.

L’Unione Europea ritiene infatti che l’approccio al vino nei paesi produttori (quelli del sud, appunto) sia tradizionalmente più consapevole rispetto a quanto avviene nei paesi nordici che si sono approcciati a Bacco solo di recente. Per questo ha finanziato  “Wines from the south of Europe – Mediterranean Wines”, un piano triennale, unico progetto inter-stato del settore vinicolo, rivolto ai mercati inglese e tedesco, ma anche alla stessa Italia.

Foto di Santolero Alfonso

Il progetto si sta concretizzando in un’azione informativa, rivolta tanto ad un pubblico di addetti ai lavori (giornalisti opinion leaders, professionisti del settore vinicolo, sommeliers, chef) quanto al pubblico finale di consumatori. Lo scopo è quello di far conoscere i prodotti tipici delle tre aree, spesso vini da varietà autoctone considerate – a torto – minori. Vini strettamente legati al proprio territorio. Attraverso l’approfondimento di questa conoscenza promuovere uno stile di consumo più attento e consapevole.

Della durata di tre anni, il progetto è partito nel febbraio del 2013 e ha già visto i vini dell’Emilia Romagna insieme a quelli di Grecia e Bulgaria, protagonisti in quattro dei principali eventi fieristici di settore (Vinitaly, Prowein, London Wine Fair, Anuga). Degustazioni, seminari e approfondimenti sono stati svolti a Dozza presso la sede di Enoteca Regionale, e in Germania a Francoforte e Colonia; mentre workshop con giornalisti e operatori sono stati organizzati a Verona, Colonia e Londra.

La campagna di sensibilizzazione è inoltre realizzata attraverso pubblicazioni su giornali e riviste e con azioni sui social media.

Torna in alto